Pink Floyd, i 50 anni di “Atom Heart Mother”: una canzone al giorno. “Atom Heart Mother” – parte 1

“Atom Heart Mother” dei Pink Floyd è stato pubblicato il 2 ottobre del 1970. E’ un album epocale, e per celebrarne il compleanno abbiamo deciso di presentarvelo integralmente, canzone dopo canzone.
Pink Floyd, i 50 anni di “Atom Heart Mother”: una canzone al giorno. “Atom Heart Mother” – parte 1

Dopo aver affinato e modellato la suite che occupa la facciata A dell’album, rodata progressivamente dal vivo sin dal 17 gennaio 1970 con il titolo provvisorio “The Amazing Pudding”, i Pink Floyd entrarono in studio a marzo per inciderla su nastro usufruendo del mixer nuovo di zecca EMI TG12345, un apparecchio a otto canali che poteva gestire fino a venti microfoni. Il gruppo calcolò la lunghezza del brano tenendo conto dei limiti consentiti dalla facciata di un vinile.

Lo strumentale che la band presentò per la prima volta a Cottingham il 17 gennaio 1970 durava intorno ai quindici minuti e sembrava adatto ad accogliere un arrangiamento di tipo orchestrale. Agli inizi di marzo i Pink Floyd registrarono la sezione strumentale della suite, a cui venne dato il nome di “Untitled”: le tracce incise riguardavano batteria, basso, organo, pianoforte, chitarra elettrica e relativi assolo. L’introduzione fu realizzata con interventi di gong e piatti, mentre qua e là furono aggiunti i vocalizzi di Gilmour e Wright. Un primo inconveniente si manifestò all’ascolto della sezione ritmica, incisa da Waters e Mason in un unico respiro: l’imprecisione ritmica avrebbe creato non pochi grattacapi al momento di incidere le parti orchestrali.

Eppure la vera problematica, almeno in avvio, si trovava a monte: la band si arrese all’impossibilità di scrivere da sola le partiture per orchestra e valutò l’opportunità di ricorrere a un collaboratore esterno.

Era la prima volta che la band apriva a una collaborazione esterna; a Ron Geesin fu data una copia delle registrazioni effettuate, cioè la base strumentale di “Untitled”: la consegna avvenne dopo la seduta del 6 aprile agli studi di Abbey Road, l’ultima dei Floyd prima della partenza per gli USA. L’apporto di Geesin non fu solo l’orchestrazione del pezzo: l’eclettico musicista era anche una sorta di artigiano del nastro magnetico e i suoi insegnamenti furono fondamentali per il futuro della band.

A conferma della sicurezza acquisita negli studi di registrazione, la band si apprestò a produrre il disco senza l’ausilio di Norman Smith, relegato al ruolo di produttore esecutivo e coinvolto esclusivamente nel reclutamento dei musicisti classici.

Partiti alla volta degli States per un tour di quarantacinque giorni, i Floyd incontrarono vari contrattempi (il più importante, il furto della strumentazione) che li costrinsero a cancellare le date successive agli show di New Orleans e a tornare mestamente a casa in anticipo. Il disappunto per l’inconveniente era mitigato dalla speranza di trovare, al rientro in patria, le partiture per coro e orchestra del nuovo disco già bell’e pronte; le cose però non andarono così.

La febbrile necessità di concludere le operazioni accelerò i contatti e i confronti sul tema orchestrale: il 21 maggio 1970 Gilmour e Wright si recarono negli studi di Geesin per discutere del brano. Nel tentativo di iniziare la band alla musica sinfonica Geesin portò Wright, Mason e Gilmour a vedere il “Parsifal” di Richard Wagner al Covent Garden: l’unico risultato fu quello di vedere tutti ingloriosamente addormentati. Note di colore a parte, Richard Wright fu solerte nell’occuparsi della sezione cori della suite.

Dal 25 maggio Geesin incominciò a concretizzare le idee raccolte fino a quel momento, in vista delle registrazioni in studio dell’orchestra e del coro, previste per il 19 giugno. Si concentrò su alcune melodie che aveva tratto dal pezzo inciso dai Floyd espandendole con interventi personali e trovando nuove soluzioni: ad esempio ipotizzò un coro con parole nonsense, imprimendo alla suite il suo personalissimo stile.

Domani scriveremo ancora di “Atom Heart Mother”.

I testi sono tratti dal libro di The Lunatics “Pink Floyd. Il fiume infinito”, pubblicato da Giunti, per gentile concessione degli autori e dell’editore; al libro rimandiamo per la versione integrale dei testi di presentazione delle canzoni di “Atom Heart Mother” e di tutti gli altri album del gruppo.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/vc6JmRdVFwOaCLCU7Gaxb1UiAYc=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/copertina-libro-pink-floyd.jpg

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.