Pearl Jam, cambio di produttore per il nuovo album 'Gigaton'

La band di Eddie Vedder, per il proprio undicesimo album di inediti in studio, ha rinunciato ai servigi di uno dei suoi collaboratori più fidati, Brendan O'Brien: ecco chi è il suo sostituto

Pearl Jam, cambio di produttore per il nuovo album 'Gigaton'

I fan più attenti ed esperti se ne saranno sicuramente accorti: tra i crediti di "Gigaton", il nuovo disco di inediti in studio della band capitanata da Eddie Vedder, non è presente Brendan O'Brien, tecnico del suo e produttore che del sound dei Pearl Jam è stato uno dei principali architetti. Eccezion fatta per l'album di debutto "Ten", per "Binaural" del 2000, per "Riot Act" del 2002 e l'eponima prova sulla lunga distanza del 2006, il mago dello studio classe 1960 nato ad Atlanta era stato chiamato a coordinare le session di lavorazione di più della metà dei dischi consegnati dalla band di "Daughter" agli annali, da "Vs." del 1993 al più recente "Lightning Bolt" del 2013.

Le ragione della scelta, per il momento, non sono state specificate. O'Brien è uno dei produttori più apprezzati - e di conseguenza - richiesti sul panorama rock internazionale: il suo nome figura nei crediti di "Can't Deny Me", il singolo pubblicato dai Pearl Jam nel 2018, ultimo lavoro inedito di alto profilo presente nella sua discografia da produttore. Poi, a parte gli impegni sul catalogo di Train e Flying Tigers - per due uscite di prossima pubblicazione - di lui si perdono le tracce. Facile che il producer abbia avuto impegni tenuti volutamente nascosti al grande pubblico: O'Brien, dopo tutto, è un fido collaboratore di - tra gli altri - Springsteen (dal quale si attende un album a breve) e AC/DC, per i quali da tempo si favoleggia di un ritorno sulle scene discografiche. Facile, quindi, che la sua agenda non sia riuscita a incastrarsi con quella della band.

In sua vece è stato chiamato a bordo Josh Evans, che di anni ne ha undici in meno rispetto a O'Brien, ma che vanta già una lunga esperienza al banco del mixer, sia col gotha del grunge - oltre che ai Pearl Jam, per i quali ha fatto il tecnico del suono per "Can't Deny Me" sotto la supervisione dello stesso O'Brien, anche per Soundgarder ("King Animal"), Mad Season e Mother Love Bone, anche per Brandi Carlile, Thunderpussy, Dave Matthews Band, Funeral for a Friend e Biffy Clyro, mettendosi al mixer anche per "Raw Power: A Tribute to Iggy and the Stooges", tributo live all'Iguana del Rock che ha coinvolto nomi di prima grandezza del panorama statunitense come lo stesso Mike McCready dei Pearl Jam, Duff McKagan dei Guns N' Roses, Barrett Martin degli Skin Yard e Mark Arm dei Mudhoney.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
5 lug
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.