Aaron Carter si addormenta durante una chat con i fan

La popstar statunitense al risveglio se l'è presa con la polizia che...
Aaron Carter si addormenta durante una chat con i fan

Altri problemi per la 32enne popstar statunitense Aaron Carter. Nella giornata di ieri la polizia è corsa a casa sua con il timore che fosse in overdose.

Il musicista, lo scorso settembre, ospite in una trasmissione televisiva, non aveva nascosto di avere problemi con ansia e depressione. In questi ultimi mesi, inoltre, è coinvolto in una dolorosa controversia familiare che, indubbiamente, non ha giovato al suo stato di salute mentale.

E’ accaduto quindi che, ieri, poco dopo le ore 20.00, i servizi di emergenza sono stati chiamati da qualcuno molto preoccupato per il suo benessere. Poco prima della chiamata, Aaron stava facendo un live streaming con i suoi fan ma si è addormentato nel bel mezzo della chat, allarmando quanti erano collegati che hanno immediatamente provveduto a chiamare i soccorsi.

Arrivata sul posto e forzata la porta di ingresso, dato che nessuno aveva risposto dall’interno della casa, la polizia si è diretta verso la camera da letto e ha trovato il cantante mentre dormiva in uno stato di salute che non destava preoccupazioni.

Carter, riporta TMZ, dice che i primi soccorritori gli hanno chiesto se avesse tentato il suicidio, se avesse preso delle pastiglie o se avesse minacciato di farsi del male, lui ha risposto loro che non era accaduto nulla di quello che dicevano e che ha anche in programma di chiedere alla polizia di saldare il conto con il fabbro per sistemare la sua porta di casa visto che le forze dell'ordine l’hanno rotta per poter entrare in casa.

Come si diceva più sopra, questo non è che l'ultimo guaio causato da Aaron. Il mese scorso è stato oggetto di un ordine restrittivo della durata di un anno richiesto dal fratello maggiore, il cantante dei Backstreet Boys, Nick Carter, che lo ha accusato di aver minacciato di voler uccidere la moglie, Lauren Kitt. A causa di ciò – e del fatto che già in precedenza anche la sorella Angel aveva richiesto un ordine restrittivo – Aaron ha promesso di "stare lontano" dalla sua famiglia per un po'.

Prima di questa apertura Aaron aveva risposto negando tutte le accuse del fratello e in un comunicato aveva scritto:

''Non ho mai pensato di causare dolore a nessuno, figuriamoci uccidere qualcuno. È stato doloroso per me leggere quelle cose perché se queste persone mi conoscessero davvero, non le avrebbero mai usate come tattica per controllarmi. In realtà ciò che è più doloroso, però, è sapere quanto saranno influenzati i miei nipoti innocenti dalle scelte fatte dagli adulti intorno a loro. Con questa cosa in mente, chiedo a tutti, per favore, di lasciarmi in pace e lasciare che il sistema legale faccia il suo corso. (Sic)''

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.