Mahmood e “Soldi”: l’analisi della canzone, di Andrea Rodini

Mahmood e “Soldi”: l’analisi della canzone, di Andrea Rodini

Ospitiamo con piacere un intervento di Andrea Rodini, musicista, talent scout e produttore, che abbiamo intervistato ieri per parlare con lui del vincitore del Festival di Sanremo 2019. Rodini, del quale potete leggere qui una recente biografia, spiega a Rockol quali sono i pregi della canzone “Soldi” di Mahmood, Dardust e Charlie Charles.
(Forse è utile sapere che Rodini non si occupa più professionalmente di Mahmood, il che rende il suo giudizio totalmente disinteressato).

Nel 2014 ero a Sanremo con Renzo Rubino. Ricoprivo il ruolo di manager, produttore e direttore d’orchestra. Una roba folle, a ripensarci!
Il luogo in assoluto più divertente dove seguire il festival di Sanremo è senza dubbio la sala stampa.
Lì succede di tutto; anche perché, come giustamente ha sottolineato Ultimo, quella è la settimana in cui i giornalisti musicali hanno puntati addosso i riflettori.
Ma non in quanto competenti in materia di musica - quando mai! Come competenti in materia di gossip in ambito musicale. Prova ne è che, in una mitica conferenza stampa, il cantante belga Stromae dopo circa mezz’ora chiese: “Ma quand’è che si parla di musica?” Mai!
E la cosa è confermata dai commenti comparsi sui giornali riguardo la vittoria di Mahmood e della sua “Soldi”.
Non ho letto una, che sia una, critica “musicale”.
Nessuno che abbia scritto che il brano di Alessandro è rivoluzionario nei contenuti testuali, perché, pur attingendo alcune forme musicali dalla Trap, nel testo ribalta completamente il significato che abitualmente è attribuito ai soldi nella Trap stessa.
Nella Trap i soldi sono mezzo e fine dell’esistenza stessa, e simbolo unico di riscatto sociale.
Nel suo brano i soldi sono una delle cause della rottura di un rapporto affettivo.
Nessuno che abbia scritto che il brano di Alessandro è rivoluzionario nella “forma”, perché pur non avendo un ritornello (a Sanremo!) ha in sé tre momenti che costituiscono il “gancio” del pezzo e al quale si può agganciare il pop-olo per farlo suo:
1) La ripetizione della parola “soldi”
2) Il “Come va come va come va”
3 ) Il battito delle mani - un ritornello cubista geniale.
E poi ci sono i suoni del 2019 a tenere  insieme il tutto, grazie al gran lavoro di Dario “Dardust” Faini e Charlie Charles.
Non si è scritto niente di tutto questo.
Si è parlato di gossip e colore della pelle.
Nel 2019…

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
FRANCESCO DE GREGORI
Scopri qui tutti i vinili!
20 nov
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.