Chi è 21 Savage, il rapper che rischia di essere espulso dagli Stati Uniti

21 Savage è il nome d’arte che si è dato il rapper e produttore discografico Shayaa Bin Abraham-Joseph nato il 22 ottobre 1992 da madre di origini dominicane.

La sua è una di quelle storie difficili, sin dall'inizio. Una delle sue sei sorelle - ci sono anche quattro fratelli - viene uccisa in una sparatoria tra spacciatori di droga. Alle medie il giovane Shayaa viene espulso da tutte le scuole del suo circondario per possesso di armi da fuoco. Dopo un periodo trascorso in un centro di detenzione giovanile, una volta uscito si affilia a una gang di strada e diventa a tutti gli effetti uno spacciatore.

Nel giorno del suo 21esimo compleanno viene colpito da sei proiettili esplosi da una band rivale. Inizia a rappare e si sceglie come pseudonimo 21 Savage: 21 per via di quanto accadutogli il giorno del compleanno, mentre Savage è preso da un account Instagram.

A novembre 2014 esce “Picky”, il suo primo singolo. Nel 2015 pubblica il primo mixtape “The Slaughter Tape”, seguito qualche mese più tardi da “Slaughter King”. Nel luglio 2016 esce l’EP “Savage Mode”.

Caricamento video in corso Link
Nel luglio 2017 arriva “Issa Album”, il primo album in cui si segnala il singolo “Bank Account”.

Caricamento video in corso Link
Qualche mese più tardi, a ottobre, viene pubblicato l’album “Without Warning” firmato insieme a Offset e Metro Boomin’. A fine 2017 collabora al singolo di Post Malone “Rockstar”.

Caricamento video in corso Link
Poco prima dello scorso Natale è stato pubblicato l’album “I Am>I Was” che ha raggiunto la prima posizione in classifica. Non sono comunque mancate le polemiche, legate a un presunto antisemitismo innescate dalla canzone “ASMR”. Poi, il 3 febbraio 2019, l’arresto per una questione di passaporto, lui ha cittadinanza britannica e ci sarebbero delle irregolarità. 

Caricamento video in corso Link
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.