'Bohemian Rhapsody', dopo il trionfo Brian May si 'vendica' dei critici: 'Hanno recensito il trailer invece del film'

'Bohemian Rhapsody', dopo il trionfo Brian May si 'vendica' dei critici: 'Hanno recensito il trailer invece del film'

Prima il record al botteghino, che - alla fine dello scorso anno - l'ha fatto diventare il biopic musicale più "ricco" della storia del cinema, con oltre 600 milioni di dollari in biglietti staccati in soli due mesi, poi la serata trionfale agli scorsi Golden Globe, dove la pellicola ha scippato al favorito "A Star Is Born" con Lady Gaga il ruolo di "protagonista musicale" a quella che convenzionalmente viene definita l'"anticamera degli Oscar": per "Bohemian Rhapsody" queste sono state settimane trionfali, ma la pellicola che racconta la carriera dei Queen non ha conosciuto sempre e solo lodi e successo.

Illustre testate internazionali - tra le altre, il Guardian, Forbes e Variety - hanno mostreto perplessità, nei giorni in cui l'opera stava per essere lanciata, rimarcando soprattutto il mancato approfondimento del personaggio del frontman della band di "We Are the Champions", Freddie Mercury, la cui bisessualità - secondo i detrattori - sarebbe stata quasi nascosta per rendere la pellicola più digeribile alle platee generaliste.

Brian May, il chitarrista dei Queen che - con il batterista Roger Taylor - ha partecipato attivamente e in prima persona alla produzione del lungometraggio, visti i brillanti risultati ottenuti presso pubblico e critica ha approfittato di un'intervista a Deadline per togliersi qualche sassolino dalla scarpa: "L'errore che hanno fatto molti critici è stato quello di recensire il trailer invece del film", ha dichiarato sarcasticamente il chitarrista, "Sono subito saltati a delle conclusioni. E una volta che si lancia le proprie affermazione è difficile, poi, tornare indietro".

La critica più dura mossa al film, tuttavia, non è stata fatta pervenire della critica, ma da Lesley-Ann Jones, (controversa) biografa dei Queen in un primo momento ingaggiata dalla produzione di "Bohemian Rhapsody" come consulente poi allontanata (o allontanatasi, in merito non si ha traccia di informazioni ufficiali) dal set: "E' solo un superficiale montaggio di fotografie", è stato il suo giudizio dell'opera finita, "Freddie aveva 45 anni quando è morto. Nessun film da due ore potrà mai ritrarre la sua storia, né catturare la sua vera essenza. La sua vita e la sua personalità erano troppo complicate per un'operazione del genere".

Leggi anche: "Bohemian Rhapsody” - la recensione, la colonna sonora, le news: la recensione, la colonna sonora, le news.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.