Quando Mina si chiamava Baby Gate (1 / 11)

Quando Mina si chiamava Baby Gate

Era il 1958, quasi sessant’anni fa, quando nel mese di dicembre l’etichetta italiana Broadway (fondata da Davide Matalon, fondatore anche della Italdisc) pubblicò il 45 giri di debutto di una cantante di nome Baby Gate: “Be-bop-a-lula” e “When”. La scelta di uno pseudonimo inglesizzante per una ragazza che era italianissima, essendo nata a Busto Arsizio 18 anni prima, fu dovuta a una forma di prudenza: lo stesso Matalon, che su suggerimento del suo consulente musicale Giulio Libano aveva messo sotto contratto la ragazza (Mina Anna Mazzini), ma con l’etichetta Italdisc, pubblicò contemporaneamente anche il debutto di Mina, un 45 giri con “Non partir” e “Malatia. L’idea era di cercare di capire quale delle due identità, quale delle due diverse forme di espressione – in inglese o in italiano – avrebbe avuto più successo.

Lo pseudonimo Baby Gate ebbe vita relativamente breve, il tempo di cinque 45 giri usciti fra quel fatidico dicembre 1958 e il giugno del 1959; poi Mina prese il sopravvento, ed è ancora oggi la cantante italiana più popolare. Nel 1974, con una concessione alla nostalgia, Mina pubblicò un intero album intitolato “Baby Gate”, un disco di standard nel quale però non figurava nessuna delle canzoni da lei incise a inizio carriera con quello pseudonimo.

Quelle dodici canzoni di sessant’anni fa sono quelle che potete riascoltare nelle pagine che seguono.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.