Il curioso caso di Ghali: lo streaming, la strategia e il suono del suo 'Album'. L'intervista al rapper di 'Happy days'

Il curioso caso di Ghali: lo streaming, la strategia e il suono del suo 'Album'. L'intervista al rapper di 'Happy days'

"Racconto la mia storia, ma non solo: rispetto ai pezzi precedenti, ho cominciato a guardarmi di più intorno e ho parlato per la prima volta di donne, in modo abbastanza profondo. Ci sono dei pezzi di denuncia sociale, pezzi che potrebbero accontentare i vecchi fan e altri che potremmo far conoscere la mia musica a nuova gente": così Ghali presenta il suo album d'esordio, "Album" (qui la nostra recensione). Il disco esce oggi, venerdì 26 maggio, per la neonata etichetta Sto Records e su distribuzione Believe, senza il supporto di una grossa casa discografica e senza l'aiuto di un ufficio stampa.

Il rapper di origini tunisine, nato a Milano nel 1993 e cresciuto nel quartiere periferico di Baggio (dove vive ancora oggi), non vive infatti sui media tradizionali. Sembra più interessato a piattaforme come Spotify (che ha organizzato il party di lancio del disco, mercoledì sera a Milano - la sua "Ninna nanna" ha totalizzato qualcosa come un milione di stream in soli cinque giorni) e YouTube (680mila iscritti sul suo canale ufficiale e 175milioni di visualizzazioni complessive): "A me interessa arrivare a chi ascolta musica e fare in modo di fargliela avere senza difficoltà, quindi sfrutto tutte le piattaforme che permettono alla gente di ascoltare la musica in modo facile", spiega lui a Rockol. La strategia che lui e il team che lo affianca hanno seguito sembra un po' quella del Do it Yourself: "Fallo da solo", "Fallo da te". "Ci piace curare tutti gli aspetti, dai testi al suono, dalla comunicazione all'immagine, passando per i video: ma non c'è una vera strategia, come la gente potrebbe credere, è tutto naturale", dice il rapper.

Caricamento video in corso Link
"Album" arriva dopo una serie di singoli che hanno ottenuto buoni successi sulle piattaforme di streaming e su YouTube. Nell'ordine: "Willy Willy", "Ninna nanna", "Pizza kebab" e "Happy days" (quest'ultima gli ha fatto guadagnare l'endorsement anche di un big come Jovanotti, che ha condiviso il video del pezzo su Twitter). La produzione è di Charlie Charles, già collaboratore di Izi e Sfera Ebbasta. Ghali parla della sua musica non come "rap" ma come "raptus": "Sono degli schizzi, delle immagini. Non deve per forza essere tutto connesso. È per questo che lo chiamo 'raptus': sono dei pensieri buttati giù. Il suono del disco è un'evoluzione di tutto quello che c'è stato prima. È frutto della nostra crescita: nei pezzi precedenti si poteva intuire che saremmo arrivati a un suono del genere".

Nella versione fisica del disco, all'interno del booklet, non ci saranno i testi: "Non c'è bisogno, perché gli ascoltatori imparano da soli i testi, spesso senza nemmeno leggerli". Particolare è la copertina, frutto della collaborazione con lo street artist Ozmo, dove il volto di Ghali è circondato da una serie di immagini, simboli e figure: c'è il Duomo di Milano, l'Africa, la luna, la carta della donna di cuori. L'artwork è una citazione della copertina dell'album "Dangerous" di Michael Jackson (anche se sembra ricordare più quella di "Michael", l'album postumo del Re del Pop): "Chi mi conosce sa che Michael Jackson è una delle mie più grande ispirazioni. Le immagini rappresentano i giorni nostri, è una copertina del 2017. Ho incontrato Ozmo, che aveva già preparato un'opera simile a questa. Quella che vedete è un'opera di Ozmo rielaborata insieme a Ghali: abbiamo tolto alcuni elementi e ne abbiamo aggiunti altri".

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/NRPpvoNRmJXseMdjtwTtkrk6TtI=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rapburger.com%2Fwp-content%2Fuploads%2F2017%2F05%2F18485974_1428102793913348_1036533947500051483_n.jpg
Ghali promuoverà il disco con una serie di instore: primo appuntamento oggi, alle 15, alla Mondadori di Piazza Duomo, a Milano. Poi, per tutta l'estate, suonerà i suoi pezzi dal vivo.

Dall'archivio di Rockol - racconta il suo primo tour
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
8 ott
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.