Tinariwen - la recensione di "Elwan"

Tinariwen - la recensione di "Elwan"

Esiliati dalla loro terra, i Tinariwen inseguono “ricordi costruiti su dune in perenne movimento”. Hanno il blues, eppure fanno musica vivace e ipnotico che canta la lontananza da una terra dove gli elefanti (“elwan”, come da titolo dell’album) combattono e distruggono tutto ciò che incontrano.

Deserti diversi, musica uguale, ha titolato (più o meno) l’inglese Observer. E cioè: esiliati dal Mali, zona di guerra, i Tinariwen hanno registrato il nuovo album in parte negli studi Rancho de la Luna, nel deserto californiano di Joshua Tree, in parte a M’Hamid El Ghizlane, nel Marocco meridionale, eppure la cosa non si sente granché. Il nuovo album dei profeti del desert rock non si distacca radicalmente da quelli che l’hanno preceduto – e del resto anche “Emmaar” del 2013 era nato in California. “Elwan”, che significa elefante, basa il suo fascino sul potere dell’iterazione, sul turbinio di intrecci chitarristi, su voci che seguono lo schema call-and-response. Sulla fusione di musica assouf e blues alimentata – più che nel passato recente, ecco una novità – sulla carica propulsiva delle percussioni. È il disco di un gruppo in esilio che fa i conti con la propria tradizione, con la rabbia, con la nostalgia. Ma non si arrende.

Leggi la recensione completa di "ELWAN" cliccando qui

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.