Tony Iommi e la nascita dell'heavy metal. Una storia di dita mozzate - VIDEO

Tony Iommi e la nascita dell'heavy metal. Una storia di dita mozzate - VIDEO

Frank Anthony "Tony" Iommi è un quasi 69enne chitarrista inglese da tutti conosciuto per essere uno dei membri fondatori dei padrini del metal, i Black Sabbath. Iommi è unanimemente riconosciuto, per merito dei suoi riff, come uno dei chitarristi più importanti e influenti della musica rock.

 

Come riporta FeelNumb.com, quello che molti però potrebbero ignorare è che Iommi all’età di 17 anni lavorava in una fabbrica di lamiere. Il suo ultimo giorno di lavoro ebbe un disgraziato incidente e perse le punte del dito medio e dell’anulare della mano destra. Iommi cadde in depressione e arrivò a pensare di abbandonare la musica. Un giorno, tornato in fabbrica per una visita, fu incoraggiato dal vecchio capo a ritornare su questa decisione.Per farlo recedere da questo intento gli fece ascoltare un disco del leggendario chitarrista jazz Django Reinhardt. Reinhardt ebbe le dita deturpate in un incendio, cosa che gli fece sviluppare una tecnica del tutto personale e che gli permise comunque di essere un grande chitarrista.

 

Dopo aver anche tentato di imparare a suonare con la mano destra, Iommi usò per le sue chitarre corde extra-light (usando corde di banjo che erano più leggere) e coprì le dita deturpate con dei coperchietti in plastica spostando l’accordatura per facilitarsi il compito. Queste modifiche furono alla base di uno stile e un suono del tutto personale e portarono alla nascita dell’heavy metal.

Caricamento video in corso Link
Dall'archivio di Rockol - Paranoid, Il capolavoro dei Black Sabbath
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.