Moe Tucker dei Velvet Underground odia il brano-icona "Heroin": ecco i motivi

Moe Tucker dei Velvet Underground odia il brano-icona "Heroin": ecco i motivi

"Heroin", dal primo glorioso album dei Velvet Underground, è uno dei tipici classiconi del rock - e non solo. Uno di quei brani universali, che tutti praticamente conoscono e hanno assimilato a dispetto di età, barriere generazionali e trascorrere del tempo. Insomma, una vera icona. E' interessante scoprire, però, che proprio uno degli artefici del suo sound e della sua realizzazione, ovvero la batterista della band newyorchese Moe Tucker, è tutt'altro che soddisfatta e contenta di "Heroin". Anzi, la odia proprio e la disprezza.

Lo si scopre rispolverando dagli archivi il numero 4 della pubblicazione "What Goes On", oragno uficiale della Velvet Underground Appreciation Society e fondato a metà anni Settanta. In pratica era una sorta di rivista/fanzine a periodicità irregolare destinata ai fan della band. Il numero di cui si diceva uscì nel 1990 e conteneva una lunga intervista a Moe Tucker, in cui a proposito di "Heroin" si legge:

Ero felicissima di fare un disco [...]. Ma la produzione non mi piaceva. Allora non ci facevo troppo caso come ora [...]. “Heroin” è un disastro. Avevamo inciso il disco in otto ore di studio e il produttore era... Andy Warhol (ride). Nessuno sdi noi apeva quello che stava facendo, e lui nemmeno, come puoi sentire dal disco. Quando la MGM lo comprò e decise di pubblicarlo ci spedì per tre ore in studio, in California, per tentare di sitemare 10 pezzi. In tre ore non combini nulla. Riuscimmo a lavorare su “Heroin”, ne sono abbastanza sicura, “Waiting for the Man” e forse un altro paio. [...] Tutto di fretta. “Heroin” mi fa davvero arrabbiare. E' un pezzo così bello, ricordo che avevo i brividi ogni volta che la suonavamo, poi la sento nel disco e mi deprime. Penso a chi la sente e non ci ha mai visto farla dal vivo. E pensa: "Tutto qui?". Su disco è un mucchio di immondizia. Per registrarla gli altri si collegarono direttamente al mixer. Non hanno usato i loro amplificatori col volume al massimo e io non sentivo niente. [...] A un certo punto mi sono fermata. [...] E loro hanno continuato ed è la take che abbiamo poi usato (ride).

Caricamento video in corso Link
La storia di “The Velvet Underground & Nico” dei Velvet Underground
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.