Arrestato il padre di una delle t.A.T.u., aveva una tigre

Sergei Katin, padre di Lena Katina delle t.

A.T.u., il duo pseudolesbico di "All the things she said", è stato arrestato dalle autorità di frontiera finniche: l'uomo aveva con sé una tigre. Secondo le prime notizie, l'uomo non ha voluto chiarire dove avesse acquistato l'animale; il signor Sergei ha però spiegato, con grande naturalezza, che voleva portare la tigre in Russia per regalarla alla figlia Lena, che deve sposarsi. "Volevo comprarle un coccodrillo, ma il bagno di mia figlia è troppo piccolo", ha detto l'uomo alla polizia di frontiera. Sergei Katin ha sostenuto d'essere stato ingannato dall'uomo che gli aveva venduto la fiera; pensava che i documenti della tigre fossero validi, invece erano falsi. Dopo essere riuscito a convincere i poliziotti con la sua versione, il signor Katin è stato rilasciato. Non è chiara la sorte della tigre.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.