“Crêuza de mä 2014”, torna un disco epocale

“Crêuza de mä 2014”, torna un disco epocale

A trent'anni dalla prima pubblicazioone torna in commercio “Crêuza de mä”, il fondamentale album di Fabrizio De André, in un nuovo mixaggio curato e realizzato da Mauro Pagani, che di quel disco è il coautore (e che quel disco ha già riletto a modo suo nel 2004). La versione deluxe del progetto comprende due Cd (il disco originale rimixato, “riaprendo le tracce” incise trent’anni fa, e ampliato con quattro extra tracks: una “versione alternativa” di “Jamin-a” e i mixaggi alternativi di “Sinán Capudán Pascià”, “Â duménega” e “Crêuza de mä”; e il secondo Cd – intitolato “La mia Genova” – che contiene brani registrati dal vivo, tratti da “Fabrizio De André – I concerti”: sei di “Crêuza de mä” e due, sempre in genovese come gli altri, da “Le nuvole”, e si completa con una versione, ancora live, di “D’ä mæ riva”, interpretata da Mauro Pagani e Andrea Parodi), ai quali si unisce un libro illustrato di 208 pagine curato da Sandro Veronesi con testi e contributi di Mauro Pagani, Renzo Piano, Paolo Fresu, Giovanni Soldini, Antonio Marras, e arricchito da manoscritti di De André e fotografie. Il progetto è stato presentato oggi a Sanremo da Dori Ghezzi con Mauro Pagani, che ne ha spiegato genesi ed evoluzione.

Mauro Pagani: “Da sempre pensavo che qualcosa fosse andato perso, della magia dei suoni di quell’album; fu colpa, allora, del fatto che il mixaggio fu uno dei primissimi realizzati in digitale con il Sony F1, che aveva qualche problema di fase e cancellava alcune frequenze. Abbiamo riaperto le piste di quelle registrazioni, effettuate all’epoca con l’apporto fondamentale di Allan Goldberg, e rimixato partendo da zero, senza aggiungere e senza togliere nulla dei contenuti originari; anzi, sì, confesso un minimo intervento per recuperare una piccola sequenza di percussione mal riuscita. La vera scoperta avvenuta durante il lavoro, deciso a settembre ed effettuato in dicembre, è stata il ritrovamento di una versione alternativa – per tonalità, velocità, arrangiamento – di ‘Jamin-a’, che è stata mixata per la prima volta e aggiunta come bonus. All’epoca le era stata preferita un’altra versione, più vicina a quella dei provini. Voglio ringraziare la Sony, che è stata molto collaborativa, ci ha aiutati a reperire i nastri originali – conservati in Germania – e ad ottenerne una copia digitale, sulla quale ho lavorato con l’aiuto di un giovane fonico molto bravo di nome Giuseppe Salvadori”.

Dall'archivio di Rockol - 9 Curiosità su Fabrizio De Andrè
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.