Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Pop/Rock / 29/01/2014

Notizie flash: 'Rivogliamo DEMO free concert', Trent Reznor, Grignani, Bieber

Notizie flash: 'Rivogliamo DEMO free concert', Trent Reznor, Grignani, Bieber

Si terrà domenica 2 febbraio presso l'Hiroshima Mon Amour di Torino, il concerto gratuito "Rivogliamo DEMO". Ideato da Giuliano Tedeschi - tra le altre cose, label manager della Toast Records - il live è nato in seguito all'esclusione dal palinsesto di Radio Rai di DEMO, la vetrina musicale creata da Michael Pergolani & Renato Marengo nel 2000. A "gridare ad alta voce lo sconforto e lo sdegno di aver strappato via uno dei pochi spazi di Radio Rai dedicati alla nuova musica italiana" (così recita il comunicato stampa), sul palco del locale torinese saliranno, a partire dalle 17.00 fino alle 12.00, artisti come Alberto Radius, Statuto, Camillorè, Audiograffiti e Roberta di Lorenzo.

I produttori dei Grammy Awards si son scusati con Trent Reznor per aver tagliato la sua esibizione con Grohl, Homme e Buckingham, in chiusura alla serata degli Oscar della musica. In risposta al Tweet succinto ma decisamente esplicito pubblicato dal leader dei NIN, pochi minuti dopo l'evento, Keith Ehrlic (executive producer dei Grammy) ha dichiarato ai microfoni dell'Hollywood Repoter: "Mi dispiace che si sia arrabbiato. Ero così contento di averlo finalmente portato si Grammy. Le jam finali sono nate con gli Arcade Fire qualche anno fa, con LL Coll l'anno scorso. Volevo concludere alla grande. Gli avevo detto che l'avremmo prolungata al massimo possibile. Si parlava di cinque, sei minuti al massimo. E siamo arrivati a meno di un minuto e venti dalla fine. Abbiamo fatto quello che abbiamo potuto."
 
Gianluca Grignani è stato ricoverato all'ospedale di Fabriano in seguito a un malore (non grave) che lo ha colpito questa notte. A rassicurare sul suo stato di salute è prontamente arrivato un comunicato stampa per mezzo del quale il cantautore di Milano ha fatto sapere: "Sto alla grande, e sono in auto che viaggio verso casa". Il comunicato poi precisa: "come tanti in questi giorni, ieri il cantautore è stato colpito da uno dei virus influenzali tipici di questo periodo, mentre si trovava a Fabriano, sulla strada verso casa, di rientro dallo studio di registrazione nei pressi di Roma; così al pronto soccorso, dove è andato per un semplice controllo, i dottori hanno preferito fargli trascorrere la notte in ospedale prima di riprendere il viaggio questa mattina."

E’ stata indetta una petizione per espellere Justin Bieber dagli Stati Uniti e revocargli il permesso di soggiorno. In seguito all’arresto, avvenuto lo scorso 22 gennaio per guida in stato di ebbrezza, il cantante non sarebbe più desiderato negli USA. La petizione, comparsa sul sito della Casa Bianca, verrà portata all’attenzione del presidente Obama se raggiungerà le centomila sottoscrizioni entro il 22 febbraio. “Noi cittadini statunitensi non ci sentiamo rappresentati da Justin Bieber. Vorremmo che questo guidatore spericolato e consumatore di droghe venga espulso e la sua green card revocata. Non mette solo a rischio la sicurezza di tutti noi ma ha una pessima influenza sui nostri giovani”, afferma il testo della petizione, leggibile qui. Nel frattempo è stata fissata una data per il processo che segue l’arresto di Bieber, scagionato in seguito a un pagamento di 2.500 dollari di cauzione. Il 14 febbraio, proprio il giorno di San Valentino, cantante dovrà rispondere presso il tribunale di Miami delle accuse di resistenza all'arresto e guida in stato di ebbrezza

Si intitola “Heaven knows” il nuovo singolo dei Pretty Reckless, disponibile in ascolto di seguito. Il brano è stato estratto dalla nuova fatica in studio dalla band capitanata da Taylor Momsen, attrice del telefilm “Gossip girl”, intitolata “Going to hell”, in uscita il 18 marzo. Il gruppo statunitense, inoltre, sarà in Italia per un’unica data: la Momsen e soci si esibiranno dal vivo il 28 marzo ai Magazzini Generali di Milano. I biglietti sono già disponibili presso tutti i circuiti autorizzati al prezzo di 20 euro più prevendita.