Grammy Awards 2003: proibito parlare della guerra?

Una voce, ancora contradditoria, circola sulla serata di consegna dei Grammy Awards 2003 (che si è tenuta la scorsa domenica, 23 febbraio, vedi News), secondo la quale agli artisti presenti sarebbe stato imposto di non parlare del possibile conflitto tra Stati Uniti e Iraq.

Interpellato sul supposto embargo, Fred Durst dei Limp Bizkit, che per primo ha fatto riferimento alla guerra nel corso della premiazione (durante la sua performance ha dichiarato: “Spero di non essere il solo a volere allontanare questa guerra il più possibile”), ha negato che qualcuno dell'organizzazione gli abbia mai chiesto di non parlarne.
Diversa, invece, la versione della cantautrice Sheryl Crow, da cui gli organizzatori dei Grammy hanno voluto sapere in anticipo se avrebbe indossato una maglietta pacifista, come agli ultimi American Music Awards (vedi News): “Penso che volessero mantenere neutrale il tono della manifestazione”, ha commentato la Crow.
Anche Peter Gabriel, che durante la sua esibizione ha sfoggiato uno straccio bianco come simbolo pacifista, pare sia stato preventivamente avvisato di non parlare del conflitto: “Alla serata di Rock The Vote mi è stato detto che durante i Grammy sarebbe stato censurato qualsiasi riferimento alla guerra, per questo ho indossato lo straccio bianco alla consegna dei premi. Nessuno dell’organizzazione mi ha, però, contattato”.
“Non c’è mai stata nessuna controversia dal nostro punto di vista”, ha dichiarato Neil Portnow, presidente del NARAS, “Nessuno di noi ha voluto imporre il silenzio. Avevano tutti assoluta libertà di esprimere il loro pensiero. L’unico problema era semmai il tempo, misurato e limitato per ciascuna esbizione”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.