Billy Bragg: morte alle magliette non ecosolidali

Billy Bragg: morte alle magliette non ecosolidali
Billy Bragg ha dichiarato guerra alle t-shirt prodotte attraverso lo sfruttamento dei lavoratori. Il menestrello inglese, vero nome Steven Williams, classe Cinquantasette, ha stretto un’alleanza strategica con Michael Eavis, lo storico patron del festival di Glastonbury, e con Melvin Benn, boss dell’organizzazione musicale Mean Fiddler; il trio ha investito fondi in un’organizzazione, la Ethical Threads, che si occupa di commissionare la produzione di magliette a piccole aziende che non sfruttino la manodopera locale, come invece spesso accade per la fabbricazione delle t-shirt. Il primo lotto, appena giunto in Gran Bretagna, proviene da una cooperativa di donne nicaraguensi. Scopo della Ethical Threads è quello di spingere –prima o poi- tutti gli agenti che operano nel campo del merchandising a commissionare tutti i capi in cotone a ditte, coperative e fabbriche che rispettino i lavoratori dei Paesi in via di sviluppo. Bragg fu tra i fondatori del Red Wedge, organizzazione politico-musicale che a metà anni Ottanta tentò (peraltro con scarsa fortuna) di opporsi al governo conservatore della signora Thatcher. Il cantautore ha in pubblicazione un nuovo album, “England, half-English”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.