Più rock, meno musica latina al Festivalbar 2001

Più rock, meno musica latina al Festivalbar 2001

Un festival di arene, un festival di musica rock. Così l’organizzatore Andrea Salvetti sintetizza (magari con qualche forzatura, sotto il profilo musicale) i contenuti della nuova edizione del Festivalbar, la trentottesima della serie, in partenza il 2 giugno da Prato della Valle a Padova con il Gran Galà di apertura (trasmesso in prima serata da Italia 1 il 5 giugno) per una serie di otto tappe – e dieci serate televisive - coronate come da tradizione dal gran finale all’Arena di Verona, in programma per l’8 settembre (in TV il 10 e l’11). Festival di arene perché, accanto ai due appuntamenti sopraccitati, il colorato carrozzone itinerante, orfano di Fiorello e condotto dalla “veterana” Alessia Marcuzzi al fianco delle reclute Natasha Stefanenko e Daniele Bossari, farà tappa al Teatro Romano di Benevento il 15 e 16 giugno (in TV il 19 e 26), al Teatro Greco di Taormina il 22 e 23 giugno (le due puntate vanno in onda il 3 e 10 luglio) e all’Arena Alpe Adria di Lignano Sabbiadoro il 6 e 7 luglio (tre puntate TV, il 17, 24 e 31 luglio). Festival rock (e pop) perché, smaltita almeno in parte la “sbornia” latina delle scorse edizioni (e in attesa di una conferma di partecipazione di Ricky Martin e Jennifer Lopez a qualcuno degli appuntamenti successivi), il cast del Galà propone il rocker nostrano per eccellenza, Vasco Rossi (in quella che dovrebbe essere la sua unica apparizione TV dell’estate) accanto a Lunapop, Laura Pausini, Pino Daniele, Irene Grandi, Biagio Antonacci, e ad un nutrito battaglione di star internazionali che annovera tra gli altri Bon Jovi, le ex Spice Geri Halliwell ed Emma Bunton e l’emergente Craig David (per la prima volta in Italia, con una versione dal vivo per voce e chitarra dell’hit “Walking away”). E a proposito dell’eterna diatriba tra playback e musica live, Salvetti puntualizza: “Non siamo noi a richiedere il playback, ma si tratta di scelte degli artisti. La nostra struttura produttiva è in grado di accontentare chiunque voglia esibirsi dal vivo: potremmo ospitare anche un concerto dei Rolling Stones, se lo volessero”. In mancanza di Jagger e Richards, il cartellone del Festivalbar 2001 darà spazio, come sempre, anche a nomi emergenti: Marcela Morello, Noelia, Train e Mothership quelli citati direttamente da Salvetti tra le “nuove proposte” su cui la manifestazione punta quest’anno.
Accanto a Salvetti e ai tre presentatori, sul palco dell’accaldata conferenza stampa tenutasi oggi, mercoledì 30 maggio, in un locale milanese, anche un’esponente di Amnesty International, organizzazione che il Festivalbar 2001 ha deciso quest’anno di appoggiare promuovendo tra il suo pubblico la ricerca di nuovi sostenitori. Maggiori informazioni sulle attività di Amnesty, sul cast dello show e sulle altre iniziative legate all’evento (tra cui le due tradizionali compilation doppie, in uscita il 1° giugno) sono disponibili sul rinnovato sito Internet dedicato alla manifestazione, www.festivalbar.it.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.