Scozia, trionfale ritorno dei Deacon Blue

I Deacon Blue sono tornati a tutti gli effetti dopo un paio d’anni di “purgatorio”. Il delicato gruppo di Ricky Ross e Lorraine MacIntosh, che tra fine anni Ottanta e primi Novanta in UK colmava palazzetti e palasport, dopo due anni trascorsi a perfezionare il ritorno è ripartito da dove aveva iniziato. Con un concerto al King Tut’s Wah Wah Hut (quello “leggendario” degli esordi degli Oasis) di Glasgow, dove la band è basata, i Deacon Blue hanno fatto impazzire i trecento loro fan accorsi per l’occasione. Con cinque membri della line-up originale, il gruppo ha fatto ascoltare sognanti microclassici quali “Dignity”, ma anche brani tratti dal nuovo album “Homesick”. “Il King Tut’s non c’era ancora quando abbiamo iniziato, ma nei primi tempi abbiamo suonato in un sacco di posti simili”, ha detto Ross. Ora il gruppo è pronto ad imbarcarsi in un tour UK. Il loro concerto del prossimo 26 maggio al Clyde Auditorium di Glasgow è già all’insegna del “tutto esaurito”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.