Jon Bon Jovi: 'Steve Jobs ha ucciso il music business'

Jon Bon Jovi: 'Steve Jobs ha ucciso il music business'

Steve Jobs, la mente della Apple, solitamente è personaggio stimato e benvoluto. A Jon Bon Jovi però non piace. Intervistato sul supplemento Magazine del "Sunday Times" di Londra, il rocker del New Jersey, 49 anni da poco compiuti, l'ha accusato d'aver ucciso il music business. Jon, forse particolarmente nostalgico in questo periodo, ha affermato che a causa di iTunes e dell'abitudine a trasferire le canzoni sull'iPod, la magia dell'acquisto dei dischi è svanita. "Oggi i ragazzi non sanno cosa voglia dire mettersi le cuffie, mettere il volume a 10, tenere in mano la copertina, chiudere gli occhi e perdersi in un album", ha detto Jon. "E non sanno cosa sia la bellezza di investire la paghetta su una decisione basata sulla copertina, senza sapere come sarà l'album, guardando un paio di foto ed immaginandolo. Dio mio, quelli erano tempi magici. Detesto dare l'impressione di sembrare un vecchio, ma tra una generazione la gente si chiederà: ma cosa è successo? Steve Jobs è personalmente responsabile per aver ammazzato il music business".

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.