Nuovi talenti: Universal sostiene AscoltAutori, scouting per autori di canzoni

Non è un talent (stavolta la televisione non c’entra). Non è una competizione riservata a debuttanti. E neppure un concorso. Con AscoltAutori Franco Zanetti (ex discografico, giornalista musicale, talent scout – recentemente ideatore, accanto a Massimo Cotto, del progetto Radar – oltre che, ovviamente, direttore editoriale di Rockol), in collaborazione con Universal Music Publishing Ricordi, non va alla caccia di nuove star, di cantanti e interpreti con l’ “X factor”, ma della materia prima di cui si nutre la musica pop: le canzoni (e i loro autori). “Andiamo alla ricerca di autori puri”, spiega il direttore A&R di Universal Klaus Bonoldi, “com’è nella natura del nostro lavoro di editori. E ci affidiamo a una persona che vanta una esperienza di successo nel campo dello scouting: basti ricordare il caso di Arisa, di Simona Molinari, di Noemi, e recentemente di Serena Abrami. Il suo background discografico e la sua cultura musicale ci hanno convinto ad affiancarlo in un’iniziativa che amplia le nostre opportunità di individuare nuovi talenti nel campo autorale”. Il meccanismo è semplice. A partire dall’inizio di aprile e fino alla fine di giugno Zanetti, eventualmente affiancato da altri professionisti dell’industria musicale, terrà una serie di incontri/audizioni presso lo studio Jungle Sound di Milano: aperte a tutti, senza limiti di età e indipendentemente dal curriculum professionale (basta iscriversi, gratuitamente; le informazioni dettagliate sono qui, http://www.myspace.com/ascoltautori). Ogni candidato avrà a disposizione mezz’ora di tempo circa per fare ascoltare – personalmente, o affidandosi a un interprete di sua scelta – fino a un massimo di tre canzoni scritte in lingua italiana ed eseguite in versione “acustica” (voce e chitarra, o voce e tastiera), ricevendo un giudizio immediato; nel caso quest’ultimo sia positivo, l’autore verrà invitato a una successiva audizione prevista per i primi giorni di luglio e alla quale presenzierà un esponente di Universal: che, insieme a Zanetti, vaglierà le proposte in vista di una possibile collaborazione. Tutto in tempo reale, vis-à-vis: evitando, per una volta, i filtri e gli schermi dello scouting virtuale che passa attraverso gli Mp3, Internet e i social network (ai candidati viene richiesto di depositare cd fisici e testi delle canzoni in triplice copia, su carta).

Bonoldi insiste sull’importanza del feedback istantaneo garantito dal meccanismo di selezione di AscoltAutori: “Se è vero che Internet ha accorciato le distanze tra autori, artisti e industria, bisogna anche dire che si tratta di uno strumento piuttosto dispersivo: i social network funzionano per gruppi e cantautori che vogliano farsi conoscere, molto meno per un autore puro. Personalmente sono sommerso dai cd e dagli Mp3 di chi mi propone canzoni, ma il lavoro dell’editore comporta anche molte altre cose. Il tempo a disposizione, insomma, non è mai sufficiente: un orecchio esperto in più risulterà utile a noi e agli aspiranti autori che in questo modo hanno un’occasione in più di un primo contatto con l’industria”. Ce ne sono molti, in giro per l’Italia? “Io credo di sì. Quando ho iniziato questa professione, nei primi anni del Duemila, c’erano pochi interpreti a cui affidare canzoni: l’industria produceva soprattutto artisti che si scrivevano canzoni da sé, e non sempre si trattava di materiale di prima qualità. I tanto discussi talent show hanno avuto almeno questo merito: quello di restituire a discografia ed editoria una nuova generazione di interpreti di livello e di personalità alla ricerca di un repertorio all’altezza. Se c’è la domanda, mi auguro che anche l’offerta stia crescendo di conseguenza”. Obiettivi? “Tutto verrà deciso e definito volta per volta. Se troveremo canzoni interessanti, proporremo di acquisirne i diritti per sfruttarle commercialmente. E se scoveremo un autore particolarmente dotato, potremo eventualmente proporgli un contratto editoriale in esclusiva”.

 

 

 

Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Roberto Razzini (Warner Chappell Music Italia)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.