Il ritorno degli A-Ha

Il ritorno degli A-Ha
I giornali nordeuropei stanno dando parecchio risalto a una notizia pressoché snobbata in Italia - e a noi segnalata da un attento lettore - circa il ritorno sulle scene del gruppo norvegese degli A-Ha, storica band degli anni Ottanta, che sta per uscire con un nuovo album.
L'idea di tornare a suonare insieme è venuta ai tre componenti della band - Morten Harket, Pal Waaktaar e Mags Furuholmen - dopo essere stati chiamati a esibirsi in occasione della cerimonia di premiazione del Nobel per la pace a Oslo. Per l'evento, gli A-ha hanno composto un brano nuovo di zecca, "Summer moved on", che ha riscosso un discreto successo. Il buon riscontro presso il pubblico ha portato il gruppo a pensare seriamente a un ritorno sulla scena musicale, che peraltro, singolarmente, i tre hanno continuato a frequentare in questi anni, con una serie di lavori solisti.
Messe da parte le tensioni che avevano portato i tre ad allontanarsi, gli A-ha - a sette anni di distanza dal loro ultimo lavoro, "Memorial beach" - hanno così deciso di tornare in studio, con un nuovo staff alle spalle - Erling Johannsen manager per la Norvegia e Brian Lane per il resto del mondo - , un nuovo contratto con la Wea Germany (per tre album) e un nuovo look teso a conquistare un pubblico più maturo.
Il risultato è "Minor earth, major sky", disco presentato il 16 marzo scorso a Parigi e che uscirà il 17 aprile prossimo, anticipato proprio dal singolo "Summer moved on" (già uscito il 27 marzo in molti paesi europei). Quanto allo stile del nuovo album, il tastierista Mags Furuholmen lo ha definito come «a metà strada tra rock e pop elettronico, con suoni tipicamente moderni e adatti a un'audience anche (ma non esclusivamente) giovane».
Di seguito la tracklist dell'album:
“Minor earth, major sky”
“Little black heart”
“Velvet2
“You'll never get over me”
“The sun never shone on that day2
“Summer moved on”
“To let you win”
“I wish I cared”
“Barely hangin on”
“Company man”
“I wont forget about her”
“I tought that it was you”
“Mary Ellen makes the moment count”
A margine, va segnalato che la WEA Italiana ha in pubblicazione – e probabilmente non è una coincidenza – un “best of” degli A-Ha.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.