Ron Isley (Isley Brothers) parla della sua esperienza in carcere

Ron Isley parla per la prima volta dopo essere stato in carcere per evasione fiscale Il veterano cantante soul ha dichiarato d’essere stato vittima del sistema e di essere finito dietro le sbarre perché aveva osato controbattere alle accuse dell’IRS.

“Volevano che ritirassi la mia causa contro di loro, ma non l’ho fatto e così hanno vinto loro perché io nel frattempo mi ero ammalato e non potevo testimoniare. La verità è che avevo pagato le tasse con una cifra superiore al dovuto, ben cinque milioni di dollari più gli interessi di vent’anni, ma l’IRS non aveva intenzione di restituirli. Nessuno prima di me era stato in galera per questo. Mi hanno dipinto come uno che non ha mai pagato tasse, invece ho versato ben 25 milioni di dollari in tasse e cinque più del necessario.”, ha dichiarato l’artista. Isley sta per pubblicare un nuovo album e si appresta a lavorare su un disco di gospel.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.