Al Jardine dei Beach Boys denunciato: non è all’altezza della sua vecchia band

Al Jardine dei Beach Boys denunciato: non è all’altezza della sua vecchia band
Al Jardine, uno dei fondatori dei Beach Boys, è stato denunciato per aver usato il nome della band in un tour. La causa è stata intentata dalla Brother Records, che fa capo alla Beach Boys Corporation – saldamente in mano a Mike Love, cugino "ripudiato" dal leader della band Brian Wilson, unico in vita tra i fratelli che rappresentavano il cuore e la mente del gruppo. Jardine aveva avuto il permesso di intitolare il suo tour The Beach Boys Family And Friends Tour, anche a causa della presenza, in alcune date, di Carnie e Cindy, figlie di Brian Wilson. Ma secondo la denuncia, ha infranto i termini del contratto per la scarsa qualità del suo show: secondo i legali di Love, 1.700 spettatori hanno chiesto di essere risarciti dopo un concerto in Florida perché «lo show di Jardine non era all’altezza dell’immagine di divertimento, ragazze, surf e musica dei Beach Boys» .
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.