Il rapper C-Murder condannato (o quasi) per omicidio

Corey “C-Murder” Miller è colpevole di omicidio di secondo grado.

Il giudice Hans Liljeberg del tribunale di New Orleans ha letto il verdetto della giuria composta da sette donne e cinque uomini che si è pronunciata in merito alle accuse rivolte al rapper per la morte del 16enne Steve Thomas il 12 gennaio 2002. Miller era già stato condannato per lo stesso reato nel settembre 2003, ma la Corte Suprema aveva annullato quella sentenza perché il procuratore distrettuale aveva omesso di segnalare il background criminoso di alcuni testimoni chiave. Anche stavolta, nonostante i dieci pareri di colpevolezza e due d'innocenza da parte dei giurati, il giudice ha sospettato un certo grado di illegalità nel giudizio finale e ha chiesto alla giuria di ritirarsi nuovamente per deliberare. Secondo la legge della Louisiana, Miller dovrà scontare l’ergastolo se riconosciuto colpevole in via definitiva. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.