Biografia

I Motorpsycho - il nome è ispirato dall’omonimo film di Russ Meyer - si formano nel 1989 nella città di Trondheim, in Norvegia. La prima formazione comprende Bent Sather (voce e basso), Hans Magnus Ryan (chitarra e voce) e Kjell Runar Jenssen (batteria). Dopo il primo album LOBOTOMIZER (1991), Jenssen è sostituito da Hakon Gebhardt. Dopo SOOTHE del 1992, il gruppo comincia a ottenere attenzione in Scandinavia e nel resto d’Europa con DEMON BOX (1993), indicato dalla stampa specializzata norvegese come uno degli album dell’anno. La costante attività dal vivo allarga il pubblico del gruppo, e TIMOTHY’S MONSTER (1994) segna la definitiva affermazione dei Motorpsycho sulla scena rock europea. I lavori successivi, BLISSARD (1996), ANGELS AND DAEMONS AT PLAY (1997) e TRUST US (1998) confermano la band come una delle più interessanti d’Europa. Nel 1999 il gruppo dà il via a ROADWORK, una serie di album dal vivo il cui primo volume ha come sottotitolo “Heavy metal iz a poze, hardt rock iz a laifschteil”. Il successivo lavoro in studio, LET THEM EAT CAKE (2000), vede il gruppo sperimentare con arrangiamenti orchestrali; nel 2001 è invece la volta di BARRACUDA. Nel 2006 viene realizzato il doppio album BLACK HOLE/BLACK CANVAS, mentre nel 2008 viene pubblicato LITTLE LUCID MOMENTS.
A settembre 2009 – per festeggiare i vent’anni di carriera – esce CHILD OF THE FUTURE, disco disponibile solo in vinile, registrato con il produttore Steve Albini. HEAVY METAL FRUIT viene realizzato a gennaio 2010, mentre il nuovo capitolo discografico è THE DEATH DEFYING UNICORN, che arriva dopo due dischi dal vivo: INTREPID SKRONK e un lavoro composto da quattro brani realizzati tra il 1999 e il 2010 in un club di Eindhoven. Nel 2013 è la volta di STILL LIFE WITH EGGPLANT, capitolo più recente del gruppo. (15 mag 2013)