Biografia

I Fluxus si formano nel 1990 dall’incontro di sei musicisti provenienti da esperienze molto diverse nell’ambito della musica torinese degli anni ’80 (Chroma Gain, Neorgasmo, Dissonanza, Politburò). Il suono dei Fluxus nasce quindi come la risultante naturale di queste esperienze umane e musicali. La ricerca di un percorso comune porta alla realizzazione di un suono dove il rock e la psichedelia dura degli anni ’70 si sposano con il nuovo noise attraverso l’attitudine punk in cui si riconoscono tutti i componenti del gruppo. E’ una musica che tenta continuamente di sfuggire l’omologazione trasmettendo l’emotività di una realtà tagliente e difficile attraverso un assetto strumentale di grande versatilità e potenza, caratterizzato dalla presenza di tre chitarre e due bassi.

Nel 1994-95, dopo un’intensa attività di concerti, i Fluxus registrano il loro primo lavoro discografico dal titolo "Vita in un pacifico mondo nuovo", album che desta subito un grande interesse e permette al gruppo di ritagliarsi un posto d’onore nel nuovo panorama della musica emergente italiana. Ha inizio così una lunga stagione di concerti che portano i Fluxus ad esibirsi, dimostrando la loro parte migliore, nei locali, nei centri sociali e nelle rassegne musicali più significative del momento.

Nel frattempo il gruppo, già al lavoro per il secondo disco, attua un cambiamento di formazione incorporando al suo interno altri due elementi. Questo nuovo incontro artistico, coerentemente con il progetto già avviato, darà ai Fluxus nuovi spunti creativi e la possibilità di potenziare il suo caratteristico muro di suono. Nel febbraio ’96 viene registrato il secondo disco dal titolo "Non esistere", con la produzione artistica di Jain Burgess. Dopo un’altra serie di fortunati concerti la formazione cambia ancora ed entrano due nuovi componenti, Massimo Bellarosa alla chitarra e Marcello Marcelli al basso. Rientrerà a far parte della formazione anche Simone Cinotto alla chitarra. E’ con questo nuovo assetto che il gruppo comincia a preparare il terzo disco, registrato in coproduzione con gli studi della West Link e in uscito a maggio ’98.

Formazione
Franz Gorìa - voce e chitarra
Simone Cinotto - chitarra
Luca Pastore - basso
Marcello Marcelli - basso
Roberto Rabellino - batteria

(28 lug 1998)