«BEATLES LET IT BE - Vincenzo Oliva» la recensione di Rockol

Vincenzo Oliva - BEATLES LET IT BE - la recensione

Recensione del 19 nov 2018

La recensione

 

 

“...avevo iniziato a raccogliere materiale, dichiarazioni e aneddoti e poi, come al solito, ho approfondito e allargato, finché ne è venuto fuori un vero e proprio volume sulle Get Back sessions, con tutto quel che ne consegue: album, film, dialoghi, libro, box, bootleg, concerto, litigi e scioglimento”. Così l’autore mi aveva annunciato in una mail l’imminente uscita del suo libro, sottotitolato “Il concerto sul tetto e le sessioni della discordia”.

Il libro mi è arrivato, l’ho letto e posso confermare che Oliva ha lavorato con grande diligenza sull’ampio materiale raccolto, realizzando così un efficace documentario scritto sul 1969 dei Beatles, dal primo giorno negli studi di Twickenham (2 gennaio 1969) al celeberrimo concerto sulla terrazza della Apple (30 gennaio 1969), con quel che poi ne è seguito e conseguito.

La scrittura piana e composta di Oliva guida il lettore curioso attraverso la sequenza dei fatti, arricchita di numerose testimonianze di chi c’era, forse a tratti concedendosi un eccesso di dettagli (che sarà però gradito dai fan) e mettendo a disposizione dei non anglofoni – e in Italia sono in tanti quelli che non leggono/acquistano libri musicali in inglese – un ordinato, accurato e meticoloso compendio di quanto è stato scritto sull’argomento nei molti volumi citati in bibliografia. Un libro in italiano su questo periodo non c’era: adesso c’è. Fra le informazioni in appendice (oltre a una dettagliata discografia e filmografia, ufficiali e non) segnalo l’elenco dei 406 (!) brani eseguiti, per intero o solo accennati, dai Beatles durante le sessioni di registrazione del gennaio 1969.

Franco Zanetti

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.