INNOCENCE + EXPERIENCE LIVE IN PARIS

U2
Universal (DVD)

Voto Rockol: 3.5 / 5
“Vive le rock! vive le rock!”, urla Bono, durante la performance della canzone più bella degli U2, “Bad”.
Non è il solito slogan del cantante dalla band irlandese. Anzi, lo è, ma ha un significato diverso, in questo concerto.
Che il tour “iNNOCENCE + eXPERIENCE” degli U2 andasse documentato era cosa ovvia. E’ il tour più bello degli U2 in 15 anni, li ha riportati in una dimensione più intima (i palazzetti), ritrovando la carica rock e, contemporaneamente, la giusta misura con la spettacolarizzazione che da tempo è ormai la chiave dei loro show.

La data registrata in questo DVD ha però un’altra storia, che giustifica l’enfasi di quelle parole e delle molte altre che dice Bono in questo concerto. L’ultimo degli show parigini del tour doveva andare in onda sulla HBO (il canale americano che ha prodotto i Sopranos e che produce “Game of thrones”, per intenderci). Poi la strage del Bataclan e gli attentati parigini del novembre 2015 fecero saltare i concerti, che vennero recuperati il 6 e 7 dicembre. Fu il ritorno del rock nella capitale francese, e il ritorno sul palco degli Eagles of Death Metal, che compaiono nelle due canzoni finali del concerto, e di questo DVD.

“iNNOCENCE + eXPERIENCE - Live In Paris”, nella sua versione base, non è diverso da quanto andato in onda su HBO (e in italia su Sky): una perfetta e fedele documentazione di un grande show, che parte dalla rappresentazione di una band che fa rock ’n’ roll, in un garage o nella camera, sotto una lampadina (in copertina rappresentata in stile Andy Warhol, come nella copertina del primo album dei Velvet Underground). Si passa per il racconto dell’infanzia a Dublino (“My mother when she left me, she left me an artist”, dice Bono della madre Iris, morta quando lui era un ragazzino) per proseguire con la band ipertecnologica che gioca con il presente e il futuro, interagendo con un megaschermo messo sopra la platea, e interagendo con il pubblico, sia quello fisicamente, sia quello sui social network, attraverso le riprese in diretta su Meerkat. Quindi, il finale con una strepitosa versione di “Bad”, appunto, e una corale “One”, prima dell’arrivo degli EoDM.

Se non l’avete visto, vale la pena comunque, ma soon decisamente meglio le versioni espanse: quella con due DVD, con extra vari (tra cui un estratto dal concerto della sera prima, una “Bad / people have the power” con Patti Smith registrata il 6 dicembre). Ci vogliono 120€, ma la “super deluxe edition” contiene gadget vari, tra cui una lampadina USB, libro, cartoline.

Ciò che spiace è che in nessuna di queste versioni sia compreso il concerto in versione solo audio, in CD o download - si spiega con la probabile prossima uscita del nuovo album “Songs of experience”, ma è un peccato vero, perché la band suona davvero bene, le versioni delle canzoni in alcuni casi suonano persino meglio degli originali (sicuramente quelle dell’ultimo e pur bello “Songs of innocence”).

Insomma, una band in stato di grazia: “we’re applying for the job of best rock ’n roll band in the world”, proclamavano anni fa gli U2, quando cercavano di ritornare dal periodo semi elettronico della fine degli anni ’90. Difficile dire se l’abbiano ottenuto, quel lavoro: il rock è andato da un’altra parte, e gli U2, inevitabilmente, hanno superato da tempo il climax della loro produzione. Ma questo tour li ha visti tornare a livelli di forza che non toccavano da anni.