«SCENES FROM THE SUBURBS - Arcade Fire» la recensione di Rockol

Arcade Fire - SCENES FROM THE SUBURBS - la recensione

Recensione del 04 lug 2011

La recensione

"Scenes from the Suburbs" non è un vero e proprio DVD, ma un cortometraggio che trova distribuzione commerciale su questo formato come "Extra" della riedizione di "The Suburbs", pluridecorato album degli Arcade Fire, che giusto questa settimana passano in italia.
E' un progetto curato dal grande, grandissimo Spike Jonze, regista di videoclip e cinematografico, con cui la band aveva collaborato a "Where the wild things are". Se ne parla da quasi un anno e mezzo, di questa mini-film, da quando prima ancora che uscisse il disco si vociferò di un "secret project" che coinvolgeva i due nomi. Poi, lo scorso novembre, un videoclip per "The suburbs" (la canzone), che altro non era che una versione ridotta di questo cortometraggio, che è stato messo in rete integralmente per un paio di giorni la scorsa settimana.
Possiamo dirlo, senza essere accusati di vilipendio? Tanto rumore per nulla, anzi per poco. Ecco, l'abbiamo detto.
Beninteso: "The suburbs" rimane un gran disco, gli Arcade Fire si meritano tutto questo successo, e Spike Jonze è Spike Jonze. Ma "Scenes from the suburbs" non giustifica tutto questo "hype", al di là dei nomi.
E' la storia di un gruppo di amici, di come finiscono per separarsi dopo un'estate, in una qualsiasi periferia di città americana su cui incombe una guerra, rappresentata da una polizia presente e violenta nel controllare il territorio.
Il film, ovviamente con colonna sonora della band, è girato benissimo, ma sinceramente non lascia il segno. E' semplicemente la rappresentazione visiva, persino un po' didascalica, dei temi del disco: la giovinezza nelle periferie suburbane americane.
Insomma, vale la pena vederlo, ma non aspettatevi chissà quale cosa innovativa visivamente, certo non come lo spettacolare video interattivo per "We used to wait". Se proprio dobbiamo dirlo, il vero "bonus" della deluxe edition di "The suburbs" non è questo DVD, ma "Speaking in tongues", una delle due bonus tracks che vede pure la partecipazione di David Byrne. Spettacolare, ma la potete comprare da sola per meno di un euro su iTunes.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.