«QUEEN ROCK MONTREAL - Queen» la recensione di Rockol

Queen - QUEEN ROCK MONTREAL - la recensione

Recensione del 19 nov 2007

La recensione

Il 24 e 25 novembre del 1981 i Queen tennero due concerti, entrambi sold-out, al Forum di Montreal (Canada). In quel periodo la band inglese era reduce da un tour sudamericano nel quale aveva battuto ogni record di presenze allora esistente (a San Paolo del Brasile con 131.000 spettatori paganti) ed era in procinto di dare alle stampe il singolo “Under pressure”, anticipazione dell’album “Hot space”.
Le due date vennero filmate in pellicola, presentate per la prima volta al Cannes Film Festival nel maggio del 1983 con il titolo “We will rock you” e pubblicate poi in versione VHS in Nord America nel 1984.
Oggi, in versione restaurata e rimasterizzata, a quelle immagini viene donata una nuova vita in due edizioni in formato DVD: quella singola intitolata “Rock Montreal” e quella speciale “Rock Montreal & Live Aid”.
“Hello Montreal…long time no see. You wanna get crazy?”. Con queste parole Freddie Mercury apre lo show canadese davanti a 18.000 persone, a dir la verità piuttosto freddine per un evento del genere. Lo spettacolo comincia con una versione velocizzata di “We will rock you” e prosegue con “Let me entertain you”, “Play the game”, “Somebody to love”, “Killer queen”, “I’m in love with my car”, “Get down make love”, “Save me”, “Now I’m Here”, “Dragon attack”, un reprise di “Now I’m here” ed il lento “Love of my life”. Per la prima volta viene eseguita dal vivo quella che diverrà in seguito una della canzoni più famose dei Queen: “Under pressure” (scritta con David Bowie), prima di proseguire con “Keep yourself alive”, una parte dedicata agli assoli di Roger Taylor alla batteria e Brian May alla chitarra, “Crazy little thing called love”, il classico “Jailhouse rock”, “Bohemian rhapsody”, “Tie your mother down”, “Another one bites the dust”, “Sheer heart attack”, “We will rock you”, “We are the champions” ed il finale affidato all’inno inglese.
Come si diceva, vi è anche un’edizione speciale nella cui confezione è incluso un secondo disco con la performance registrata al Live Aid il 13 luglio 1985, uno dei più grandi eventi musicali di sempre.
Sul palco di Wembley (Londra) la loro esibizione, un “cult” per gli amanti del cosiddetto Arena Rock, comprende “Bohemian rhapsody”, “Radio Gaga”, “Hammer to fall”, “Crazy little thing called love”, “We will rock you” e “We are the champions”. Il DVD include anche la performance realizzata da Freddie Mercury e Brian May in tarda serata quando hanno eseguito “Is this the world we created”.
Nella sezione bonus sono inclusi undici minuti di riprese inedite alle prove del Live Aid, un’intervista alla band ed un servizio della serie televisiva americana Pm Magazine del 1982 in cui May e Taylor vengono intervistati per raccontare la storia, la musica ed i concerti del gruppo.
Insomma “Rock Montreal & Live Aid” mostra i Queen in grande forma, ritraendoli probabilmente negli anni migliori della loro carriera. Un DVD da catalogare sotto la voce “storia del rock”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.