«LIVE 8 - Artisti Vari» la recensione di Rockol

Artisti Vari - LIVE 8 - la recensione

Recensione del 23 gen 2006

La recensione

Una nota all’interno di questo cofanetto recita così: "9 concerti, 1000 artisti, 2 milioni di spettatori, 3 miliardi di telespettatori, 1 messaggio: make poverty history". Questi numeri possono già far intuire quale incredibile evento sia stato organizzato il 2 luglio 2005: nove città (Londra, Philadelphia, Johannesburg, Roma, Parigi, Berlino, Toronto, Tokyo e Mosca) per un unico evento che resterà nella storia (della musica e non), così come il suo organizzatore Bob Geldof ed il suo pensiero.
La maestosità di questo avvenimento può far intuire con quale cura sia stato realizzato il cofanetto dedicato al Live 8. Il DVD è suddiviso in quattro dischi, su ognuno dei quali sono stampate le facce di due capi di stato delle nazioni aderenti al G8. Ed è piuttosto strano vedere su un CD la faccia di Berlusconi o di altri personaggi del genere.
Le tracklist dei dischi sono state costruite in ordine sparso mescolando, cioè, i luoghi delle performances. Sul disco 1 si possono ritrovare momenti come “Sgt.Pepper’s lonely hearts club band” eseguita da Paul McCartney e U2, i Coldplay e Richard Ashcroft insieme per “Bittersweet symphony”, Dido e Youssou N’Dour nella leggendaria “7 seconds”, i R.E.M. in “Everybody hurts”, i Green Day con “American idiot” e Annie Lennox in “Why”. Il disco 3 è forse quello più da cosiddetta “pelle d’oca”: qui è infatti possibile ammirare la storica reunion dei Pink Floyd a 25 anni di distanza dall’ultima esibizione al completo. Waters e compagni fanno davvero venire i brividi con “Breathe”, Money”, “Wish you were here” e “Comfortably numb”. Non sono da meno gli Who che, nonostante l’età, hanno carica da vendere a qualche moderna rock band. Guardare per credere le esecuzioni di “Who are you” e “Won’t get fooled again”. Infine chiude il terzo capitolo Paul McCartney che snocciola in serie grandi successi dei Beatles come “Get back”, “Drive my car”, “Helter Skelter”, “The long and winding road” e “Hey Jude”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.