Recensioni / 25 giu 2012

Justin Bieber - BELIEVE - la recensione

Voto Rockol: 3.0 / 5
BELIEVE
Island
A due anni di distanza dal suo secondo capitolo discografico “My world 2.0”, torna Justin Bieber. In questo periodo l'attenzione sul giovane cantante canadese non è mai calata, tra presunte (e poi smentite) paternità, litigi con paparazzi ed anche un disco di canzoni natalizie (“Under the mistletoe”).
Il nuovo album si intitola “Believe” ed è stato al solito realizzato con una sfilza enorme di produttori (tra i quali si segnalano Scooter, Diplo, Hit-Boy e Darkchild) e ospiti provenienti dal mondo hip-hop del calibro di Ludacris (“All around the world”), Big Sean (“As long as you love me”), Drake (“Right here”) e Nicki Minaj (“Beauty and a beat”).
I tredici brani qui presenti suonano più maturi rispetto ai precedenti album, sia a livello di testi che a livello di profondità vocale di Bieber, con beat più intensi che si intrecciano tra R&B e pop-music, con riferimenti al primo Justin Timberlake.