«BLU CELESTE - Blanco» la recensione di Rockol

Blanco può piacere (quasi) a tutti

In “Blu Celeste”, il primo disco dopo i successi con Salmo e Sfera Ebbasta, attitudine rap e rock si mischiano, arrivando a un vasto pubblico. I testi in alcuni casi, però, sono un po’ troppo adolescenziali.

Recensione del 10 set 2021 a cura di Claudio Cabona

Voto 7/10

La recensione

Frasi come “anche se mi avessi accoltellato mi sarebbe piaciuto” o “anche se prendessi un ergastolo sto con te” solcano produzioni in cui pop, un’attitudine rap e punk grezza si mischiano, arrivando a forgiare un disco che, potenzialmente, può catalizzare un pubblico molto vasto.

Sì, perché la capacità di Blanco, alla sua prima fatica discografica, è proprio quella di creare uno stile personale e riconoscibile non strettamente legato a un preciso universo sonoro. E ci riesce tenendo il microfono da solo, senza trucchetti o strategie. Tecnicamente non rappa e non si inserisce nei canoni più comuni del rap o del rock, ma l’approccio istintivo alla scrittura, il vigore della musica e l’energia trasmessa attraverso la voce, sono riconducibili a questi mondi. Il tutto è infarcito di ritornelli orecchiabili che lo rendono anche radio friendly. Insomma, Blanco può piacere (quasi) a tutti.

Una voce sola: la sua

In “Blu Celeste” non ci sono feat studiati a tavolino o ammiccamenti sonori per finire in determinate playlist, incrementando gli streaming. Tutte le produzioni sono del suo “angelo custode” Michelangelo, tranne “Figli di puttana” co-prodotta insieme a Greg Willen, la mente dietro i suoni degli Fsk. Quella di Blanco è una scelta coraggiosa, per nulla scontata, una decisione che il giovane artista di Calvagese della Riviera ha motivato e raccontato nella nostra intervista. Un disco “personale” che non ha bisogno delle parole o delle voci di altri artisti come successo nelle hit con cui Blanco si è fatto conoscere: “Mi fai impazzire” con Sfera Ebbasta e “La canzone nostra” con Salmo, su produzione di Mace.

Riccardo Fabbriconi, questo il suo vero nome, ha imboccato un’altra direzione, anche dal punto di vista dell’immagine: agli orologi con i diamanti e alle derapate con le macchine di lusso di molti suoi colleghi, preferisce le mutande bianche e le corse furiose nei boschi. Un modo di approcciarsi alla vita, anche figlio della provincia, che condiziona la sua musica e che genera un mondo personale diverso da quello che è stato proposto negli ultimi anni da giovani artisti saliti alla ribalta.  

Punti di forza e debolezze

I punti di forza di “Blu Celeste” sono musicali e di coinvolgimento, mentre il progetto si rivela un po’ più debole sul fronte testuale. Esclusi pezzi più densi come la title track, “Afrodite” e “David”, la scrittura, seppur a tratti spassosa, in alcuni passaggi è ripetitiva e adolescenziale. Il disco si apre con “Mezz’ora di sole” che si mostra come una carta di identità accompagnata anche dal suono degli archi: “Ti porto con me dove Blanco è cresciuto”, canta l’artista classe 2003. Immancabili “Notti in bianco”, uno dei pezzi che lo ha fatto conoscere, condiviso da Fedez in tempi non sospetti, “Paraocchi” e “Ladro di fiori”, brani già pubblicati. “Figli di puttana” è una sintesi fra l’anima sonora rock e quella più urban di Blanco: “siamo randagi, scappati di casa”.

Le parole in certi frangenti vengono sputate fuori come in un brano selvaggio e post punk degli Sleaford Mods, in altri invece si elevano quasi a una dimensione dolce, in falsetto, angelicata. Blanco gioca spesso con la voce, timbro subito riconoscibile, come succede in “Blu Celeste” dove cerca di metabolizzare una mancanza, un lutto. Stesso processo anche in “David”, uno dei brani più onirici del progetto. “Pornografia (Bianco Paradiso)” è uno dei pezzi più riusciti: adrenalinico e da pogo con tanto di rutto iniziale. “Sai Cosa c'è” affonda le radici nel revival mentre “Afrodite”, fra voce in falsetto e suoni di chitarra, regala una canzone d’amore.

TRACKLIST

01. Mezz'Ora Di Sole
02. Notti in bianco
03. Figli di puttana
04. Blu Celeste
05. Sai cosa c'è
06. Paraocchi
07. Lucciole
08. Finché Non Mi Seppelliscono
09. Pornografia (Bianco Paradiso)
10. David
11. Ladro di fiori
12. Afrodite
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.