«DJESSE VOL. 3 - Jacob Collier» la recensione di Rockol

Il talentuoso Jacob Collier più contemporaneo e pop

Terzo volume della sua serie Djesse (candidato a tre Grammy), il talentuoso polistrumentista inglese mantiene il suo stile caleidoscopico per canzoni più accessibili. Tra gli ospiti: Ty Dolla $ign, Daniel Caesar, Kimbra e Rapsody.

Recensione del 05 gen 2021 a cura di Michele Boroni

Voto 8/10

La recensione

Chi lo ha visto esibirsi dal vivo o chi si è immerso dentro la marea delle sue produzioni di video-mosaici su Youtube sa che nel caso di Jacob Collier “talento puro” non è un'espressione peregrina. 
Il londinese Collier, classe 1994, polistrumentista dalla morbida e calda voce baritonale scoperto da Quincy Jones, è giunto al suo quarto album “Djesse vol. 3” uscito quest'estate e candidato a tre Grammy tra cui album of the year.

Suono contemporaneo, sottrazione e anima 

I suoi precedenti dischi erano un grande caravanserraglio sonoro che mescolavano classica, gospel, jazz, world e folk con quella sua vena massimalista e tendente sempre ad aggiungere, mai a togliere. Questi lavori rappresentavano, l'espressione di un grande tecnica e versatilità ma anche un limite per un ascolto rilassato e fruibile da un pubblico allargato.
Questo Djesse Vol.

3 presenta invece un paio di novità: la prima è che Jacob si confronta con quello che oggi è il pop contemporaneo, ovvero R&b, hip-hop, elettronica, ma anche vintage funk mescolato con l'amato jazz , il tutto intrecciato dalla sua caleidoscopica produzione. .
L'altra novità è che in alcune canzoni il Nostro inizia a giocare per sottrazione, riuscendo per la prima volta a confezionare ottime canzoni pop dove comunque emerge il suo talento cristallino. Il singolo  “Time alone with you” con Daniel Caesar è uno dei tanti esempi contenuti nel disco: una neo soul à la D'Angelo che trasuda groove da tutti i pori e che dà anche lo spazio per i virtuosismi vocali e strumentali di Jacob. 40 minuti godibilissimi che si posizionano musicalmente a fianco di Vulfpeck o Hiatus Kaiyote, ma questa volta con più anima.  


Tanti ospiti ben valorizzati

Il disco pullula di ospiti e Jacob questa volta riserva loro il giusto spazio: la canadese Jesse Reyez con ritornello pop e lo scioglilingua rap di T-Pain in “Count the People”, Tory Kelly sulla sentimentale “Running out love” e il duetto nella ballad con l'attrice e cantante Kiana Ledé, o il bellissimo spiritual-soul “He won't hold you” con il finale recitato da Rapsody.
Per quanto riguarda le liriche tutto il disco (interamente scritto, prodotto e in gran parte suonato tutto da Collier) si gioca sui temi dello spazio – ricollegandosi all'artwork astrale della cover – e del sonno (“In too deep” e “Sleeping on my dreams”, “To Sleep”).


La canzone da playlist

Una nota a parte merita “All I Need”, brano complessissimo ma anche tremendamente pop che unisce tastiere yacht rock a dinamiche EDM, il canto di Mahalia e il rap di Ty Dolla $ign. In una intervista rilasciata da Collier rivela che per questa canzone ha suonato tutti gli strumenti battendo il record personale di ben 600 tracce simultanee. 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.