«BLACK MERDA - Black Merda» la recensione di Rockol

I dischi fondamentali del rock: "Black Merda" dei Black Merda

Un album al giorno attraverso le recensioni del libro "Rock: 1000 dischi fondamentali. Più 100 dischi di culto”, curato da Eddy Cilia e Federico Guglielmi (con Carlo Bordone e Giancarlo Turra) per Giunti. Ecco la scelta odierna dalla sezione “Culti".

Recensione del 16 lug 2020

Voto 10/10

La recensione

No, non è come pensate. Pronunciato all’afroamericana “merda” suona come “murder”, ossia “omicidio”. Quando nel 1967, a Detroit, i fratelli Anthony e Charles Hawkins, chitarristi, il bassista Veesee L. Veasey e il batterista Tyrone Hite decidevano che come nome per la band Soul Agents non andava più bene, ribattezzarsi Black Murder era un modo per schierarsi, ricordando i tanti caduti sulla strada della lotta per i diritti civili. Preferivano però la forma gergale del secondo vocabolo e ne risultava una ragione sociale che per un italiano o un francofono non è proprio il massimo dell’eleganza.

In compenso però memorabilissima e che beffa che il quartetto sia rimasto per decenni uno dei segreti meglio custoditi della musica nera: emuli di Hendrix di vaglia come nessuno mai (a partire da una Prophet immersa in una fitta “purple haze”) e papà dei Living Colour, se solo qualcuno se ne fosse accorto. Invece no: l’irreperibilità per un quarto di secolo dei due LP pubblicati a loro tempo e persino di qualunque notizia attendibile al riguardo ha avvolto i Black Merda in una nebbia di leggenda. Quando soprattutto questo esordio vale poco meno dei primi Funkadelic, dei Temptations che si stavano ingozzando di LSD, dello Sly Stone di THERE’S A RIOT GOIN’ ON. Da scoprire o riscoprire, assolutamente.

Il testo qui sopra riprodotto è tratto, per gentile concessione dell'editore e degli autori, dal volume "Rock: 1000 dischi fondamentali. Più 100 dischi di culto” , curato da Eddy Cilia e Federico Guglielmi (con Carlo Bordone e Giancarlo Turra) , edito da Giunti nel 2019.  Il libro è acquistabile qui.

TRACKLIST

01. Prophet (02:54)
02. Over and Over (05:31)
03. Windsong (04:14)
04. I Don't Want to Die (03:53)
05. Cynthy-Ruth (03:05)
06. Reality (02:01)
07. That's the Way It Goes (03:17)
08. Think of Me (02:33)
09. Ashamed (03:52)
10. Good Luck (03:46)
11. Set Me Free (00:31)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.