«REMIXES AND RARITIES - Hot Chocolate» la recensione di Rockol

Barista: una cioccolata calda... remixata

Box con triplo CD per la formazione disco-funk degli Hot Chocolate con 36 remix e rarità per veri completisti

Recensione del 13 gen 2020 a cura di Daria Croce

La recensione

Da noi forse non hanno esattamente uno status leggendario, ma gli Hot Chocolate sono senza dubbio uno dei pezzi da novanta della scena disco-funk dei due decenni Settanta e Ottanta del secolo scorso. Del resto anche in Italia la loro “You Sexy Thing” fu un successone tutto da ballare – o, se preferite, un tormentone proposto e riproposto in tutte le salse.

La forza del gruppo (nato nel 1968 e con debutto ufficiale nientemeno che per la Apple Records, che pubblicò una loro cover di “Give peace a chance” in versione reggae) è proprio, a ben vedere, la capacità di scovare quella manciata di battute in cui tutto è al posto giusto e che finiscono per inchiodartisi alla corteccia cerebrale… non per nulla sono l’unica band ad avere sfornato almeno una hit all’anno, nella loro madrepatria inglese, nel periodo compreso fra il 1970 e il 1984. E la cosa buffa è che anche i rockettari li conoscono, magari involontariamente e solo per qualche brano, ma li conoscono: hanno eseguito loro cover, infatti, artisti del calibro di PJ Harvey, Urge Overkill (con una versione da urlo di “Emma”) e i gotici – di Leeds – Sisters Of Mercy.

Ma veniamo a “Remixes and rarities” che, come il titolo dichiara palesemente, è una sorta di megaraccoltona dedicata a versioni remixate e pezzi meno comuni, il tutto radunato in ben tre CD con tanto di libretto da 16 pagine con commenti e liner notes. Di sicuro non è il modo migliore per entrare nel mondo degli Hot Chocolate – vi dico solo che ci sono sette remix di “You sexy thing”, tre di “So you win again”, quattro di “Every 1’s a winner”e via di questo passo – ma piuttosto questo box è pensato per parlare a chi già è iniziato al culto e, magari, cerca qualcosa di particolare che lo porti fuori dai consueti binari.

In ogni caso, ancora una volta Cherry Red – col suo sottomarchio Cherry Pop – dimostra di essere un’ottima label per chi ha a cuore il recupero della musica made in England in tutte le sue forme, dal punk alla psichedelia, passando per il pop, la dance, il glam e il rock più duro.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.