«THIS IS THIS - Cazale» la recensione di Rockol

Cazale: leggi qui la recensione di "This is this"

L'ottimo disco d'esordio della band formata da Paolo Gradari (sassofoni e clarinetto basso), Marco Ditillo (chitarra), Fabio Ricci (basso), Luca Mengozzi (batteria e vibrafono).

Recensione del 30 ott 2018 a cura di Marco Jeannin

La recensione

“Ho scritto i brani dell’Ep in un momento di riscoperta casuale dei film interpretati da John Cazale. Ho approfondito la storia della sua carriera e della sua vita legata al cinema e, per quanto triste, non posso negare di esserne stato tremendamente affascinato. Ero in cerca di un nome per la band e del titolo di un brano. Riguardandomi in tv “il Cacciatore”, forse per la decima volta, sono stato colpito di nuovo, ma con più forza, dalla scena di caccia e dal dialogo che la precede. Gli amici stanno per partire quando Stanley (John Cazale) capisce di aver dimenticato i suoi stivali e li chiede in prestito a chi poteva averne un paio di scorta, Micheal (Robert De Niro). Mike glieli nega a causa delle costanti dimenticanze dell’amico e, mostrandogli una pallottola, precisa: “Stanley, see this ? This is this. From now on, you're on your own”. Nick, Steven e Mike partiranno per il Vietnam, mentre Stanley resterà a casa assieme ad altri amici. Nella vita reale Cazale, stremato dalla malattia, non arriverà alla fine delle riprese. Può apparire strano, ma la malinconia di questa storia e del personaggio di Cazale mi ha accompagnato per tutta la stesura dei brani, non solo per la title track. In questo Ep però non c’è solo malinconia, c’è anche tanta energia e amore per la melodia. Emozioni che avevo da parte da un po’ di tempo e che mi andava di tirare fuori e condividere con chi avrà voglia di ascoltare questo lavoro.” Marco, Fabio e Luca sono i musicisti che, assieme al sottoscritto, formano i Cazale. Mi hanno aiutato enormemente, lo fanno tuttora e rendono vivo questo progetto, perciò li ringrazio di cuore.”

A parlare è Paolo Gradari, che nei Cazale suona sassofono e clarinetto basso, e delle musiche del gruppo è autore. Con Paolo mi sono sentito direttamente perché ho pensato fosse il caso di approfondire il discorso legato alla sua band; ecco il motivo della lunga introduzione che trovate qui sopra. I Cazale fanno il loro esordio con questo “This is this”, sette pezzi per un timing totale che non raggiunge i trenta minuti. Farlo partire e ascoltarlo non è un’operazione complicata; i Cazale sono una band strumentale che si muove nei confini di un sound manco a dirlo molto cinematografico in cui post rock, jazz e un tocco di prog si fondono perfettamente per andare a creare il classico racconto senza parole. Un racconto dalle tinte meravigliosamente noir che scorre fluido in tutti questi sette pezzi chiamati a presentarci la band.

Sarà che Paolo, Marco Ditillo (chitarra), Fabio Ricci (basso) e Luca Mengozzi (batteria e vibrafono) sono tutti ottimi musicisti, sarà quel rimando ad un mondo a me caro, ma l’impressione è che questi Cazale abbiano qualcosa in più. Quel qualcosa che ha fatto la fortuna dei Calibro 35, tanto per chiamare in causa una band che bene o male vive la musica in un modo molto simile ai nostri. Alla luce dei ripetuti ascolti di “This is this”, questo qualcosa penso si possa individuare più precisamente nell’idea forte alla base del progetto, la riscoperta di John Cazale come scintilla creativa. La storia di Cazale è davvero una storia incredibile così come del resto la sua filmografia (solo cinque film all'attivo, tutti candidati al premoio Oscar come miglio film), e non è difficile dare credito a Paolo Gradari quando dice che la vita e la storia di John Cazale lo hanno accompagnato nella stesura di tutti i pezzi del disco. Questa fortissima relazione creativa ha permesso alla band di costruire un disco essenziale, asciutto dal punto di vista sonoro e al contempo di grande impatto emotivo. Un disco sincero, evidentemente nato per passione (i ragazzi sono indipendentissimi) ma anche grazie a una passione, quella per il cinema di John Cazale. Del resto, quando si parte da un’idea solida e si ha la capacità tecnica di tradurla in musica, il risultato non può che essere ottimo, ed è questo il caso.

“This is this” è un ascolto più che consigliato. Benvenuti.

TRACKLIST

01. Old School (03:58)
02. Nottambuli (05:42)
03. Ali (03:41)
04. The Match (03:53)
05. This is This (03:22)
06. Piavola (03:40)
07. Neve (04:49)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.