«DOPO LA GUERRA - Bonetti» la recensione di Rockol

Bonetti: leggi qui la recensione di "Dopo la guerra"

Bonetti torna con un nuovo lavoro d’inediti, intitolato “Dopo La Guerra”. Nove pezzi di cantautorato pop, tra De Gregori, Brunori e qualche synth.

Recensione del 27 mag 2018 a cura di Marco Jeannin

La recensione

Arriva la guerra. La guerra che fa tremare i vetri delle finestre, la guerra con le bombe. Bombe che cambiano le giornate, che gelano le coperte dei letti diventati troppo grandi, che costringono a traslocare perché i soldi stanno finendo. Bombe che non fanno rumore in una quotidianità qualunque, ma cambiano i riferimenti, tirano giù palazzi e lasciano spianate in cui confondersi. Succede poi che in quelle spianate si trovano nuovi riferimenti, diversi da quegli altri, e che da quelli si inizia a tirar fuori qualcosa.
E succede poi che la vita, quella più naturale, quella appiccicosa come frutta bagnata, torna a fare visita. In un anno la guerra esistenziale fa il suo corso, e quello che rimane dopo è il futuro coniugato al presente di un dopoguerra privato.

Siamo ad un anno e mezzo da “Camper”: un periodo intenso, in cui diverse vicissitudini personali hanno smantellato in breve tempo situazioni ritenute stabili e sicure, facendo tabula rasa delle certezze conquistate negli anni. Il soggetto della discussione è Bonetti, cantautore salito alle cronache proprio per il primo album, buon esempio di cantautorato indie con chitarre belle in vista a guidare melodia sempre piuttosto riflessive. Un esordio cui oggi fa seguito questo “Dopo la guerra”, titolo che necessariamente non può che riferirsi al periodo di cambiamento vissuto da Bonetti stesso. Cambiamento che nei fatti ha trovato la forma di un pop di tutt’altro spessore in cui le chitarre, comunque ancora belle presenti, hanno lasciato la ribalta ai synth. Un cambio introdotto dal minuto e mezzo strumentale “Signore e signori, veniamo dal tutto vogliamo niente”, incipit programmatico che imposta la velocità di marcia di un disco sicuramente introspettivo, un lavoro in cui echi di De Gregori si mischiano al più recente Brunori (“Correre forte”, “Cosa mettono nei muri”, “E’ guerra”), il lato più autoriale del disco, lasciando saltuariamente spazio da un pop più esplicito (“Eleonora”, “Gerani”) guidato proprio dai synth di cui sopra. Due anime che si fondono in quelli che effettivamente possiamo timbrare come i pezzi migliori del disco, non a caso messi in chiusura del disco: “Dobbiamo tirar fuori qualcosa”, “Il futuro” e “R”.

“Dopo la guerra” a mio parere è un buon disco, diretto, quadrato, sincero. Un netto passo avanti rispetto a “Camper”, esordio sì convincente ma forse un pelo acerbo (proprio perché tale?). Nove i pezzi in scaletta, scritti interamente da Bonetti e suonati da Alessandro Chiorino (synth, chitarre e cori), Marco Sgaggero -(basso e cori) e Marco Massa (batteria), ottimamente prodotti, registrati e mixato da Fabio Grande presso Sala Tre e Gli Artigiani Studio di Formello (RM), colui che è riuscito a gestire al meglio questa nuova versione di un Bonetti alle prese con se stesso e farlo suonare come si deve. Ben fatto. 

TRACKLIST

01. Signore e signori, veniamo dal tutto vogliamo niente (01:34)
02. Correre forte (04:20)
03. Cosa mettono nei muri (03:32)
04. Eleonora (03:24)
05. È guerra (02:38)
06. Gerani (02:52)
07. Dobbiamo tirar fuori qualcosa (04:07)
08. Il futuro (02:51)
09. R. (02:17)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.