«A REAL LABOUR OF LOVE - UB40» la recensione di Rockol

La recensione di "A Real Labour of Love", l'ultimo "Labour of Love" degli UB40

Recensione del 14 mar 2018 a cura di Redazione

La recensione

La roots-reggae band di Birmingham, nella versione Ali Campbell-Astro-Mickey Virtue, storici componenti degli UB40, arriva all’appuntamento con il decennale del terzo “Labour of Love” animata dall’idea di mettere un punto alla formula, inaugurata nel 1983, con la quale il gruppo inglese ha consegnato al mercato i tre episodi di “Labour of Love”.

Il cantante – che è anche produttore dell’album -, il secondo vocalist e il tastierista della formazione classica della band escono così con il “definitivo” “A Real Labour of Love”, che differenza dei precedenti capitoli si concentra sulle canzoni “che gli UB40 ascoltavano durante i loro tour”, e non più su quelle con le quali sono cresciuti, protagoniste invece dei precedenti momenti della serie, segnata da brani come, per ricordarne alcuni, “Cherry Oh Baby” di Eric Donaldson, “Kingston Town” di Lord Creator, “Red Red Wine” di Neil Diamond, “Come Back Darling” di Johnny Osbourne. In “A Real Labour of Love”, la band propone altri brani dei suoi “eroi”, attingendo ancora una volta all’universo reggae e dancehall degli anni Ottanta, tra i quali “A Place In The Sun” di Stevie Wonder, “How Could I Leave” di Dennis Brown e “International Herb” dei Culture.

A proposito dei sedici brani del disco, registrati e missati ai Dean Street e ai RAK Studios, il gruppo racconta di aver tratto ispirazione dal periodo trascorso nel Paese caraibico culla del reggae per eccellenza: “Per lungo tempo soggiornammo in Giamaica e questi erano i successi di quel periodo, li sentivamo ogni giorno alla radio e dai ghetto blaster che diffondevano musica per le strade”, spiega Astro a proposito delle canzoni che definisce la quintessenza dell’artista reggae.

TRACKLIST

01. Making Love (04:12)
02. She Loves Me Now (04:31)
03. Strive (04:42)
04. Here I Come (03:41)
05. Telephone Love / Rumours (07:52)
06. How Could I Leave (06:01)
07. Ebony Eyes (03:39)
08. Hush Darling (04:41)
09. Hard Times (04:42)
10. Moving Away (03:35)
11. International Herb (03:23)
12. A Place In The Sun (04:51)
13. Tune In (04:21)
14. Once Ago (03:45)
15. In The Rain (04:13)
16. Under Me Sleng Teng (04:21)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.