«PAROLE RUMORI E ANNI - Fabrizio Moro» la recensione di Rockol

Fabrizio Moro e tutta l'acqua che è passata

La vittoria tra a Sanremo, in coppia con Ermal Meta, è stata per Moro la chiusura del cerchio, una rivincita: ha dato un senso a un percorso cominciato proprio sul palco dell'Ariston undici anni fa, le cui tappe fondamentali Moro rivive ora in un best of.

Recensione del 13 feb 2018 a cura di Mattia Marzi

La recensione

"Di acqua ne è passata sotto a queste scarpe, fra le mani, davanti agli occhi e nello stomaco", canta Fabrizio Moro nel ritornello di "Acqua". È proprio così: da "Pensa", primo posto tra i "giovani" al Festival di Sanremo del 2007, di acqua ne è passata veramente parecchia sotto le scarpe di Fabrizio. I dischi, i figli, i concerti, le canzoni, i fan, la vita, quella che il cantautore romano ha sempre messo nelle sue canzoni. La vittoria tra i "big" a Sanremo 2018, in coppia con Ermal Meta, è stata per Moro la chiusura del cerchio, una rivincita: ha dato un senso a un percorso cominciato proprio sul palco dell'Ariston undici anni fa, le cui tappe fondamentali Moro rivive ora in un "best of" intitolato - emblematicamente - "Parole rumori e anni".

Fabrizio Moro aveva più di trent'anni quando nel 2007 si presentò tra i "giovani" del Festival di Sanremo con una canzone destinata a lasciare il segno proprio come gli uomini di cui parlava. Aveva alle sue spalle già alcune esperienze discografiche e svariati anni di gavetta (e un'altra partecipazione al Festival, passata nell'indifferenza generale) e pensava che da quel momento in poi la sua carriera avrebbe cominciato a farsi finalmente in discesa. Invece, Moro ha dovuto continuare a combattere contro le porte sbattute in faccia e gli ostacoli che puntualmente gli sbarravano la strada: "Maledette le ambizioni, quando non si concretizzano", canta lui in "Parole rumori e giorni", il brano che apre questo "best of" (pescato dallo stesso album di "Pensa"). Non ha mai mollato e non ha mai abbassato la guardia: è rimasto sempre lì, denti stretti e tanta rabbia dentro, pronto a colpire duro con le sue rime e quelle canzoni che pian piano hanno cominciato a far radunare intorno al cantautore molti fan ("quelli dietro alle transenne", li ringrazia lui nel booklet della raccolta).

"Parole rumori e anni" è una sintesi di quelli che sono stati gli ultimi dieci anni della carriera - e della vita - di Fabrizio Moro. È un racconto che non segue un ordine cronologico e che fa rivivere le tappe principali del percorso a ostacoli del cantautore, da "Pensa" a "Non mi avete fatto niente". C'è tutta l'acqua passata sotto alle scarpe di Fabrizio, "fra le mani, davanti agli occhi e nello stomaco": "Libero", "Eppure mi hai cambiato la vita" (terzo posto a Sanremo, tra i "big", nel 2008), "Domenica", "Sono come sono". C'è "Portami via", la canzone con cui lo scorso anno, esattamente dieci anni dopo "Pensa", Fabrizio Moro ha tirato le somme della sua carriera e ha cominciato a guardare avanti, provando a chiudere dentro a un armadio i suoi demoni e i suoi fantasmi. Ci sono le sue versioni di "Sono solo parole" e "Un'altra vita", i due gioiellini che il cantautore ha ceduto rispettivamente a Noemi e a Elodie, e ci sono anche canzoni come "L'eternità" e "Alessandra sarà sempre più bella", che magari non sono diventate proprio delle hit ma che meritano di essere (ri)scoperte con attenzione.

Per Fabrizio Moro, questa raccolta è un modo per riprendere fiato, "spostare i ramoscelli dagli occhi", guardarsi alle spalle e ripensare con il sorriso a tutto quello che c'è stato in questi dieci anni, a tutta l'acqua che è passata passata sotto alle scarpe, "fra le mani, davanti agli occhi e nello stomaco". In attesa del concerto che il prossimo giugno lo vedrà esibirsi allo Stadio Olimpico di Roma, un sogno che Moro è finalmente riuscito a concretizzare. Che sia solamente uno dei capitoli più importanti di una bella storia.

TRACKLIST

02. Pensa (03:45)
03. Libero (03:23)
04. Portami via (03:15)
05. Non mi avete fatto niente (03:26)
06. Sono solo parole (03:45)
07. L'eternità (03:18)
09. Un'altra vita (03:16)
10. Sono come sono (03:04)
11. Acqua (03:41)
12. Domenica (03:25)
14. Da una sola parte (03:21)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.