«HOW TO SOLVE OUR HUMAN PROBLEM - Belle & Sebastian» la recensione di Rockol

Belle & Sebastian - la recensione di "HOW TO SOLVE OUR HUMAN PROBLEM"

La tripletta di “How To Solve Our Human Problems” potrebbe essere benissimo un greatest hits della band: una raccolta di canzoni che raccontano la storia e l’evoluzione musicale dei Belle and Sebastian

Recensione del 16 feb 2018 a cura di Mario Guerci

La recensione

I cantastorie scozzesi tornano con un progetto discografico tanto ambizioso quanto ben riuscito, non saranno forse in grado di risolvere tutti i nostri problemi (come suggerisce il titolo del loro ultimo lavoro), ma quelli relativi alla mancanza di bella musica sanno esattamente come gestirli.

Facciamo un breve riassunto degli ultimi anni della band di Glasgow: nel 2015 Stuart Murdoch e soci hanno pubblicato l’album della svolta elettronica, “Girls In Peacetime Want To Dance”, un lavoro alieno rispetto a quanto ci avevano abituati ad ascoltare nei loro dischi precedenti ma dimostrazione di una grande capacità di spaziare tra i generi e di esplorare terreni impervi e non conosciuti, uscendone illesi e a testa alta.

“How To Solve Our Human Problems” è una trilogia di EP ognuno contenente cinque brani, usciti rispettivamente l’8 dicembre, il 19 gennaio e il 16 febbraio. Anche nel lontano 1997 il gruppo aveva dato alle stampe tre Ep - “Dog On Wheels”, “Lazy Line Painter Jane” e “3.. 6.. 9 Seconds Of Light” - tutti nello stesso anno, ma questa volta c’è anche una riflessione su cosa significhi, oggi, presentare un nuovo album: “Penso che di questi tempi quando esce un disco sia una specie di delusione. Niente sembra succedere, e ho pensato: “Dobbiamo fare qualcosa di diverso”. Odio stare semplicemente a galla. Sono in questo ambiente da vent'anni ormai. Sicuramente possiamo usare le nostre teste e fare qualcosa che sia un po’ più interessante, che possa risvegliare dell’interesse”.

La band è tornata a registrare a casa loro, a Glasgow, dopo molti anni dall’ultima volta. Sono entrati in studio di registrazione con tracce a malapena scritte per costruire intorno a quelle poche righe un album completo e autoprodotto, una genesi musicale completamente differente da quella degli ultimi loro album che sono stati tutti prima scritti e provati e poi registrati con un produttore per un intenso periodo di sei settimane.

I progenitori del così detto indie rock scozzese, con il loro ultimo progetto discografico, fanno quello che gli riesce meglio: divertire, rilassare, emozionare, coinvolgere e far riflettere l’ascoltatore, il tutto in quindici brani, con la semplicità che li contraddistingue e con l’unicità che li rende così speciali e riconoscibili.

La tripletta di “How To Solve Our Human Problems” potrebbe essere benissimo un Greatest Hits della band, una raccolta di canzoni che raccontano la storia e l’evoluzione musicale dei B & S: si parte dalle dolci ballate indie pop delle origini, vedi “Fickle Season”; con “Sweet Dew Lee” c’è una reminiscenza della musica dance degli anni Settanta in una suite prog-disco di sei minuti che vede sintetizzatori unirsi a raggi laser; ci sono sfumature di r&b come nella freschissima “Poor Boy” per poi tornare alle classiche ballad ‘Sebastiane’ tutte acustica e nostalgia: “There Is An Everlasting Song” e “I’ll Be Your Pilot”. Il brano che colpisce più di tutti è "We Were Beautiful”, dove la band si spinge ancora più in là, regalando un meraviglioso crescendo new wave con tanto di fiati nel finale:

Rise above the present day / Rise above the popular melee / I see you the way you are / I see you, the star

Sono passati più di vent’anni da quando Stuart Murdoch e soci hanno fatto il loro tenero debutto con “Tigermilk”; ora i Belle And Sebastian sono diventati una delle band più importanti della scena alternative mondiale mantenendo però intatta quella genuinità e semplicità che da sempre li contraddistingue.

TRACKLIST
EP 1:
01 - Sweet Dew Lee
02 - We Were Beautiful
03 - Fickle Season
04 - The Girl Doesn’'t Get It
EP 2:
05 - Everything Is Now (Instrumental)
06 - Show Me the Sun
07 - The Same Star
08 - I'’ll Be Your Pilot
09 - Cornflakes
10 - A Plague On All Other Boys
EP 3:
11 - Poor Boy
12 - Everything is Now, Pt. Two
13 - Too Many Tears
14 - There Is an Everlasting Song
15 - Best Friend

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.