«RARE BIRDS - Jonathan Wilson» la recensione di Rockol

La psichedelia aggiornata di Jonathan Wilson: Rare Birds

Dopo anni passati come produttore (e come collaboratore di Roger Waters, di cui è chitarrista di studio e dal vivo), torna in prima persona Jonathan Wilson, ed espande i suoi orizzonti: la recensione

Recensione del 02 mar 2018 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Strano destino, quello di certi musicisti: vengono identificati con un luogo, ne diventano il simbolo sonoro, ma arrivano da altri posti, o lo disconoscono. E' sucesso agli Eagles (Don Henley è nato in Texas a Glen Frey in Michigan). Ed è successo a Jonathan Wilson: un nome, una garanzia sia da solista, sia da produttore (Father John Misty, Karen Elson tra le ultime cose). Il simbolo del revival del Laurel Canyon - peccato che sia nato in North Carolina, anche se la California è la sua base. “I paragoni con Neil Young, CSN, Dennis Wilson e Tom Petty sono lusinghieri, ma non mi sono mai visto in questo modo”, ha detto poco prima di pubblicare questo su terzo disco solista (quarto, se si conta un perduto album indipendente, "Frankie Ray", del 2007).

Eppure in Italia lo abbiamo visto per la prima volta di spalla a Tom Petty, nel 2012: "Gentle spirit" era uscito l'anno prima, e aveva fatto innamorare immediatamente gli appassionati. Qualcuno aveva tirato in ballo pure i Pink Floyd - e guarda caso Roger Waters lo ha voluto alla chitarra per "Is This The Life We Really Want?" e nel successivo tour.

L'adesivo sulla copertina di questo album - il primo da "Fanfare" del 2013 - promette "A powerful shockwave from the sun": è una frase da "Rare birds", che ne riserva un'altra ancora più ghiotta:

Falsetto folkies with pitchfork at your side, your tunes will be forgotten

Jonathan Wilson non vuole essere di moda. Ma le scosse arrivano eccome - forse non dal sole ma di sicuro dalla musica. Non c'è nessuna ricerca di contemporaneità, in questo disco - anche nei pezzi meno tradizionalmente psichedelici: "Over the midnight" ha un suono retro e anni '80 - potrebbe essere quasi una canzone dei War On Drugs. "Loving you" è pop-rock-entico, con la voce di Laraaji (uno dei pionieri della musica new age) che gorgheggia libera per 8 minuti: è la cosa più bella del disco.

Poi certo, c'è anche il country rock di "Hi Ho to Righteous", e diverse canzoni ricordano fin dai titolo quella California che a Wilson sembra stare comunque stretta: "Sunset boulevard" e "Mulholland drive". "Rare birds", la canzone, è Wilson al suo meglio: etereo, a tratti beatlesiano, acido e melodico.

Non c'è un momento debole nel disco: 80 minuti di grande musica, in cui Wilson conferma tutte le sue migliori qualità: una scrittura unica, una scelta per i suoni e per gli arrangiamenti senza pari, un gusto nell'andare a pescare i riferimenti musicali - tutte cose che ti fanno dimenticare la voce, da sempre non particolarmente potente.

Se vi piace il genere, "Rare birds" è un altro mezzo capolavoro. Non un disco per tutti, o destinato a scalare le classifiche. Ma musica di altissimo livello. Jonathan Wilson è uno dei migliori in circolazione: da produttore, tutto quello che tocca diventa oro, e riesce a fare lo stesso anche con la sua musica.

TRACKLIST

01. Trafalgar Square (06:24)
02. Me (04:49)
03. Over the Midnight (08:15)
04. There's a Light (04:56)
05. Sunset Blvd (05:44)
06. Rare Birds (05:26)
07. 49 Hairflips (05:10)
08. Miriam Montague (04:41)
09. Loving You (08:31)
10. Living With Myself (06:46)
11. Hard To Get Over (06:30)
13. Mulholland Queen (05:20)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.