«JUNGLE RULES - French Montana» la recensione di Rockol

French Montana - JUNGLE RULES - la recensione

Recensione del 27 lug 2017 a cura di Redazione

La recensione

French Montana è uno dei rapper più rispettati, negli States: classe 1984, proveniente dal South Bron (ma è nato a Rabat, in Marocco), Karim Kharbouch ha cominciato a muovere i suoi primi passi sulla scena hip hop a stelle e strisce all'inizio degli anni 2000. Cresciuto con i dischi di Tupac, The Notorious B.I.G., Nas, Snoop Dogg e Wu-Tang Clan, Montana si è deciso a pubblicare il suo primo mixtape - "French Revolution Vol. 1" - nel 2007. Dopo altri quindici mixtape nel 2013 è finalmente uscito il suo primo album ufficiale, "Excuse my French", una co-produzione Coke Boys (l'etichetta da lui fondata nel 2008), Bad Boy Records (etichetta satellite di Epic Records, divisione di Sony) Maybach Music Group (etichetta fondata da Rick Ross e distribuita da Atlantic Records) e Interscope. Il disco, una dichiarazione d'amore all'hip hop vecchia scuola, si spinse fino al quarto posto della classifica generale degli Stati Uniti: "Jungle rules" ne è l'ideale sequel.

Tra i produttori delle nuove tracce registrate dal rapper ci sono anche Puff Daddy e Mike Will Made It. Il disco, che è stato registrato tra il 2016 e i primi mesi del 2017, è anticipato dai singoli "Unforgettable" e "No pressure": le sonorità sono più o meno le stesse di "Excuse my French", con qualche spruzzatina di trap.

Non mancano episodi più pop: il duetto con The Weeknd in "A lie", ad esempio, che infatti è stato scelto come prossimo singolo estratto dal disco, o quello con Pharrell Williams in "Bring dem things".

Per il resto, "Jungle rules" è un disco che prova a unire le due generazioni della scena rap americana: da un lato quelli che restano fedeli alla vecchia scuola, dall'altro quelli che guardano ai suoni e alle contaminazioni di oggi. E ci riesce, correndo però il rischio di somigliare più a una playlist di artisti vari che a un disco di un unico artista.

TRACKLIST

01. Whiskey Eyes (04:44)
02. Unforgettable (03:53)
03. Trippin (02:56)
04. A Lie (03:46)
05. Jump (03:41)
06. Hotel Bathroom (03:51)
07. Bring Dem Things (03:16)
08. Bag (03:37)
09. Migo Montana (03:38)
10. No Pressure (03:27)
11. Push Up (03:02)
12. Stop It (03:05)
13. Black Out (03:38)
14. She Workin (03:07)
15. Formula (03:54)
16. Famous (04:04)
17. Too Much (02:56)
18. White Dress (03:43)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.