«HYDROGRAD - Stone Sour» la recensione di Rockol

Gli Stone Sour tornano in pista... e lo fanno bene

Nuovo album per la band di Des Moines che ricerca un linguaggio più diretto e rock: energia, bei ritornelli e riff muscolari

Recensione del 13 lug 2017 a cura di Andrea Valentini

La recensione

Sesta prova in studio per la band di Des Moines fondata, nel 1992, fra gli altri da Corey taylor – che sarebbe poi divenuto anche voce dei nu-metaller Slipknot, raccogliendo fama e successo planetari. Non che gli Stone Sour siano una postilla nella storia del rock, chiariamolo… anzi, godono di uno status solido, di molti fan fedeli e di un invidiabile posizionamento, pur restando almeno parzialmente nel cono d’ombra degli Slipknot.

“Hydrograd” (titolo bizzarro, nato da un malinteso: Taylor, infatti, durante uno scalo in Europa, ha letto male un cartello et voilà… ecco il nome del nuovo album) è un buon album sicuramente, in pieno mood rock/hard rock/alt metal – con piccoli tocchi prog metal. Sonorità cristallizzate da qualche parte fra la fine dei Novanta e i primi Duemila, ma molto convincenti, piene di mestiere e di sicurezza nei propri mezzi. La formula è piuttosto semplice, quasi come se la band desiderasse eliminare fronzoli e ambizioni di allargamento degli orizzonti, gettandosi anima e corpo nel flusso del rock al 100%. Quindi, sostanzialmente, al netto di qualche scrollone improvviso, “Hydrograd” è un disco fatto da pezzi costruiti su solidi riff hard rock declinati in tutte le salse e abbinati a una bella performance vocale di Taylor. Energia e melodia, insomma, se vogliamo riassumere in due parole… con qualche ammiccamento a certo AOR/pomp rock non troppo laccato.

Nulla di epocale o rivoluzionario, ma un buon disco resta tale anche se non rompe gli schemi o non inventa qualcosa (ammesso che ci sia, almeno nel rock, ancora da inventare). E l’impressione è ancora più positiva se si pensa che questo è il primo lavoro della band dopo l’uscita, tumultuosa peraltro, del chitarrista e co-fondatore Jim Root, che ha lasciato la nave nel 2013. Il suo sostituto Christian Martucci sembra a proprio agio e ha avuto un ruolo non secondario nel plasmare la personalità del disco, col proprio background fatto sì di metal, ma anche di punk e influenze variegate.

Una bella prova, insomma: musica godibile, molto rock e fruibile al contempo, sempre in bilico fra muscolare esuberanza e orecchiabilità da viaggio sulle highway con la capote aperta, il vento in faccia e un amore selvaggio sul sedile a fianco. Unico neo, a voler essere pignoli, è forse la lunghezza: 15 brani non sono pochi, anche se a onor del vero i 60 minuti abbondanti scorrono piuttosto indolori, senza pesare… diciamo che un paio di brani in meno avrebbero creato il perfetto equilibrio (la semi-country “St. Marie” e “When the Fever Broke” potevano restare a disposizione per qualche b-side, senza che il disco ne soffrisse in alcun modo…).

TRACKLIST

01. YSIF (02:02)
03. Knievel Has Landed (04:01)
04. Hydrograd (04:37)
05. Song #3 (04:16)
06. Fabuless (04:00)
07. The Witness Trees (04:45)
10. St. Marie (04:27)
11. Mercy (03:23)
12. Whiplash Pants (04:19)
13. Friday Knights (05:17)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.