«FAKE SUGAR - Beth Ditto» la recensione di Rockol

Beth Ditto - FAKE SUGAR - la recensione

Recensione del 24 giu 2017 a cura di Antonio Ciruolo

La recensione

Qualche anno fa con la sua band - i Gossip - cantava a squarciagola I checked you, if its already been done, undo it, ritornello del singolo “Heavy Cross”, forse uno tra i brani più apprezzati dai fan del terzetto dell’Arkansas. All’apice del successo però, il destino ha giocato un brutto scherzo alla giovane Beth Ditto. I suoi compagni di avventura, il chitarrista Nathan Howdeshel e la batterista Kathy Medorca, decisero di abbandonare la band per dedicarsi ad altro - il primo tornato alla vita contadina mentre la seconda diventata ostetrica - lasciando così l’estrosa Ditto in piena solitudine.

Dopo anni di silenzio l’artista  ha deciso di rilanciarsi nel mondo della musica con un disco solista che mostra il lato più dolce e personale della sua anima fragile, ben difesa dall’immagine punk-rock che si è costruita nel corso degli anni.

Così Mary Beth Patterson, artisticamente conosciuta come Beth Ditto, ha da poco lanciato il suo primo lavoro intitolato “Fake Sugar”, anticipato dal brano “Fire”, il singolo dalle sonorità elettro-rock. È un album che dimostra quanto sia potente e brillante la creatività musicale dell’eccentrica artista che, ai tempi dei Gossip, non riusciva ad emergere e a prendere forma nella musica che proponevano.

Le dodici melodie racchiuse in questo album sono agli antipodi rispetto ai primi lavori che l’hanno portata al successo. “Fake Sugar” è un disco più melodico, che concede molto spazio alla voce e alle parole della Ditto. Gli arrangiamenti scelti per l’occasione, che vanno dal blues al rock, passando dal pop fino a toccare le vette del soul e della disco, hanno dato maggiore enfasi ai testi - molto personali - della cantante. Questo è “Fake Sugar”, una vasta gamma di sonorità che colorano la tela musicale, pensata e costruita alla perfezione dalla Ditto.

“Do You Want To Me”, dall’animo pop, è il perfetto brano da disco club capace di spingere in pista anche i meno intraprendenti. “Lover”, invece, è la classica canzone strappacuore che presenta il lato malato dell’amore, quello più sofferente. “Oh My God” è un distillato di potenza dove tutte le qualità vocali della Ditto prendono forma; un cantato più profondo e sottile si alterna ad uno più dirompente, in pieno stile rock’n roll. La fragilità di “Love in Real Life” racchiude l’essenza passionale e sentimentale dalla cantante.

“Fake Sugar” dimostra quanto sia possibile rinnovarsi nella musica, senza preoccuparsi di trascinare con se il proprio passato artistico. Basta crederci, proprio come ha fatto la talentuosa Beth Ditto. Per chi vuole emozionarsi, senza rinunciare ad una giusta dose di trasgressione, “Fake Sugar” è la perfetta soluzione. Gli animi più fragili sono avvertiti.

TRACKLIST

01. Fire (03:09)
02. In and Out (03:41)
03. Fake Sugar (03:29)
04. Savoir Faire (03:37)
05. We Could Run (03:30)
06. Oo La La (03:44)
07. Go Baby Go (03:03)
08. Oh My God (04:44)
09. Love in Real Life (04:03)
10. Do You Want Me To (03:07)
11. Lover (03:34)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.