«PLEASURE - Sondre Lerche» la recensione di Rockol

Sondre Lerche , pop d'autore contemporaneo con echi electro anni 80

Il norvegese Sondre Lerche torna con un disco che mette insieme morbide melodie e synth anni 80, pop sofisticato e testi autobiografici. E questa volta il mix funziona.

Recensione del 18 mar 2017 a cura di Michele Boroni

La recensione

Una doverosa premessa: chi scrive questa recensione è fan di Sondre Lerche fin dal momento in cui lo vide poco più diciottenne sperduto sul palco del Festivalbar nella Piazza del Duomo di Pistoia. Era il 2002 e il biondino dagli occhi azzurri fu uno dei pochi artisti della serata che quella sera decise coraggiosamente di cantare dal vivo. In questo caso però lo status di fan non corrisponde a un'assoluta indulgenza e venerazione nei confronti del beniamino ma, al contrario, a una critica ancor più puntuale e severa laddove l'artista non riesca a raggiungere le potenzialità e il suo oggettivo talento.

Da quel 2002 di tempo ne è passato: la fuga da Bergen, sua città natale norvegese, e trasferimento a Brooklyn, il tour con il suo mito Elvis Costello, otto dischi e un paio di colonne sonore di film indie da Sundance. Alti e bassi di carriera. Dal crooner jazz all'indie rock, con un songwriting sempre molto autobiografico e un pantheon melodico che va da McCartney a Bacharach, passando da Van Dyke Parks, Milton Nascimento e i Belle and Sebastian.

In “Pleasure” il buon Sondre, pur mantenendo il suo stile fatto di strutture armoniche più o meno complesse e leggiadre melodie, aggiunge un tiro più dance ed electro pop anni 80. L'inizio di “Soft Feeling” che apre il disco è un evidente omaggio ai New Order di “Bizarre Love Triangle”, come pure i synth di “I'm always watching you” ricordano hit di Whitney Houston e dei New Edition. Ma attenzione, “Pleasure” non è un disco retromaniaco, perché accanto alle atmosfere anni 80 c'è un mondo sonoro fortemente contemporaneo: c'è il suono psichedelico saturato stile Tame Impala di “I know Something that's gonna break your heart” e ci sono le percussioni sincopate derivanti dall'r'n'b più avanguardistico (“Serenading in the trenches” e “Siamese Twin”). Dietro alla morbida facciata melodica e pop c'è sempre una dissonanza, una rumore bianco che rende le composizioni di Sondre Lerche sempre interessanti da ascoltare, accoppiandosi con le liriche che parlano di relazione implose e del lato oscuro dell'amore e del desiderio.

Non tutto però funziona a perfezione in questo disco: ci sono spunti lasciati a metà (“Bleeding out into the blue”) ma anche tracimazioni sonore, come la lunga coda di chitarra non richiesta di “Violent game”. Sondre Lerche ama aggiungere, impastare, cogliere le ispirazioni di ciò che sente in giro, ma il barocco nel pop è un territorio scivoloso: a volte però il miracolo accade come in “Hello Stranger” dove si mette insieme Jobim e David Byrne, la house e i Prefab Sprout oppure nella sorprendente ballata finale “Baby Come to me”.

Per concludere, questa volta Sondre Lerche non delude le aspettative: per tutti coloro che amano il pop d'autore contemporaneo e citazionista, “Pleasure” potrebbe diventare il disco di questa primavera.

TRACKLIST

01. Soft Feelings (05:48)
05. Siamese Twin (05:18)
07. Reminisce (03:54)
08. Hello Stranger (04:02)
09. Violent Game (07:04)
10. Baby Come to Me (04:24)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.