«DECLARATION OF LOSS - Slaps» la recensione di Rockol

"Declaration of loss" è l'album d'esordio dei The Slaps! Leggi qui la recensione.

Un “… urlo punk generazionale lanciato da quattro giovanissimi della provincia veneta, una “dichiarazione di perdita” combattuta a suon di chitarre distorte e ritmiche serrate”...

Recensione del 08 dic 2016 a cura di Marco Jeannin

La recensione

“Le nostre canzoni sono permeate di voglia di cambiare, di migliorarsi, di vincere la noia”. Sono permeate anche di alt, indie rock e grunge anni Novanta, quindi un misto di Nirvana, Cloud Nothings, Smashing Pumpkins e Weezer, (quasi) tutti nomi scritti già nel comunicato che accompagna il disco ma che mi sento in dovere di riportare anche in sede di recensione perché ascoltando i nove pezzi di “Declaration of loss”, disco d’esordio dei The Slaps, questi sono effettivamente i gruppi che ci senti dentro. C’è poco da girarci intorno… siamo nell’ambito di quelle band che hanno fatto di un suono una passione e da questa passione, a furia di provare, scrivere, modificare e riprovare, ne stanno ricavando un ulteriore suono: il loro. Benvenuti dunque a Paolo Simioni (voce e chitarra), Marco Lucietto (basso), Piercarlo Michelin (chitarra solista) e Sebastiano Facco (batteria). I The Slaps sono una band molto giovane, in attività dal 2012 e con un solo ep alle spalle ma che con la pubblicazione di questo album dimostra di aver quello che serve per potersi lanciare nella esplorazione di un genere (o generi) che personalmente penso sia ancora in grado di dare parecchie soddisfazioni.

Abbiamo bisogno di band che sanno suonare, che sanno scrivere pezzi power pop dentro e ruvidi fuori; è da lì che tante cose sono partite ed è lì che stiamo tornando. Sono un fan di Dylan Baldi come dei primi Pumpkins e trovarmi di fronte rispettivamente a pezzi come l’opening “You are nothing”, che di intenzione mi ricorda anche un po’ gli Iceage, “Run” e “My lack of Will” non può che mettermi immediatamente di buon umore. La qualità c’è, le idee (principalmente melodiche ma anche in termini di arrangiamento e produzione) anche: il consiglio è di proseguire lungo questa strada; il percorso è già stato battuto da milioni di altre band, alcune sono arrivate lontano, altre si sono perse ancora prima di cominciare. Ai The Slaps di “Declaration of loss” va quindi il mio personale in bocca al lupo, nella speranza che prima o poi la strada diventi sempre più solo la loro, che poi è un po’ lo scopo del viaggio. Il primo passo è stato fatto e per ora va più che bene così.

TRACKLIST

01. You Are Nothing (03:44)
02. Surf 1975 (03:15)
03. Waves (04:08)
04. No Place to Go (03:05)
05. Run (02:53)
06. My Lack of Will (04:24)
07. I'm to Blame (02:26)
08. The Sand (03:44)
09. Get a Chance (03:25)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.