«LINGUA NERA - OD Fulmine» la recensione di Rockol

OD Fulmine - LINGUA NERA - la recensione

Recensione del 16 set 2016 a cura di Marco Jeannin

La recensione

Gli OD Fulmine sono Mattia Cominotto (voce e chitarra), Riccardo Armeni(basso), Saverio Malaspina (batteria), Stefano Piccardo (chitarra e voce) e Fabrizio Gelli (chitarra e voce), tutti musicisti che suonano o hanno suonato in band che molti di noi conoscono già piuttosto bene: Meganoidi, Numero 6, Esmen. Di queste band nel progetto OD Fulmine non c’è traccia, e se c’è non la voglio seguire. Nel senso che quando ascolto qualcosa, preferisco sempre farmi un’idea di quello che sto ascoltando partendo fisicamente dalla musica che ascolto e non da quella che ho già ascoltato da qualche altra parte. Trovo più interessante, in questo senso, dare retta a Davide Toffolo, che di questa band è amico e che troviamo alla voce di “La verità”, singolo di lancio di “Lingua nera”, secondo album firmato dalla band genovese. Toffolo e gli OD Fulmine si conoscono bene: Mattia Cominotto lavora al Greenfog Studio di Genova, dove ha registrato “La seconda rivoluzione sessuale" dei TARM. TARM che sono di casa in Tempesta Dischi così come gli OD Fulmine.  

Ora, messo in archivio il preambolo necessario a contestualizzare il gruppo, vorrei concentrarmi maggiormente sui pezzi, ben quattordici (facciamo tredici… la titletrack “Lingua nera” è solo un’intro parlata, più un paio di intermezzi strumentali), che fanno di questo disco un lavoro potenzialmente in grado di scavalcare i confini liguri senza sforzo, per catapultarsi direttamente nelle orecchie di tutto il resto d’Italia. Lo dico perché tutto fila per il verso giusto dalla prima all’ultima traccia: il campo da gioco è il rock solido e senza fronzoli di una band formata in primis da musicisti, gente che sa perfettamente come si scrive una canzone, come la si arrangia e si registra. La qualità tecnica del disco poi in questo caso va a sposarsi con una serie di melodie e testi che… funzionano. E qui sì potremmo andare a fare un piccolo recap di quello che pezzi come “Il saluto dei topi liberati”, “I cannibali” o “Il mio colore” fanno venire in mente (Perturbazione? Afterhours? Di nuovo i TARM? Il tizio che ho sentito in metropolitana la settimana scorsa?), ma vorrei invitarvi a godere di un qualcosa che, dio grazie, fa venire semplicemente la voglia di cantare. Prendere e partire, ascoltare una storia, perdersi in una strofa, tipo quella di “Perdere tutto” (nomen omen): gli OD Fulmine saranno un buon compagno di viaggio, qualsiasi sia la vostra meta. Che poi non è tutto così semplice eh… prendete “F.C”. Quarantotto secondi completamente strumentali, una distorsione unica, delicata, nata da un piano elettrico modulato dalle mani di Fabio Cuomo, uno che di solito bazzica i quartieri Doom, Sludge e Post H.C. Ci siamo capiti, spero.

In “Lingua nera” trovate quindi... canzoni. Canzoni vere. Tante. Tristi, felici, solari, incalzanti, quiete, agrodolci, avventurose, sghembe, diritte. Rock. Alternative. Pop. Pensate, suonate, arrangiate come si deve. Sapere poi che il disco è stato confezionato nell’arco di una primavera mi fa sentire in qualche modo appagato. Perché gli OD Fulmine evidentemente avevano voglia di primavera, quella voglia che ti sale quando hai un inverno da sfogare, e un po’ nel disco si sente. Sì, “Lingua nera” mi è piaciuto.

TRACKLIST

01. Lingua nera (00:15)
02. L'altra per te (04:03)
03. La verità (03:40)
04. Dipli (03:57)
05. I cannibali (02:44)
06. F. C. (00:48)
07. Il saluto dei topi liberati (03:04)
08. Non ho più fame (03:07)
09. Bù (03:19)
10. Il mio colore (02:37)
11. Aguazarca! (00:31)
12. Perdere tutto (05:47)
13. Tuttalumanità (03:27)
14. Dove sei (05:01)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.