«PSYCHOBEAT - Delta V» la recensione di Rockol

Delta V - PSYCHOBEAT - la recensione

Recensione del 04 nov 1999

La recensione

Esce Francesca Tourè, entra Lu Heredia – già collaboratrice degli Articolo 31 – e la musica dei Delta V si fa più psychobeat e meno ‘spaziale’. La strada maestra è sempre quella, pop music moderna, con un occhio a quello che succede nei suoni suburbani londinesi e l’altro attento a non perdere di vista bisogni ed esigenze di confronto con un mercato che inglese non è. Il risultato è meno trip hop o drum’n’bass di quanto si potrebbe immaginare, e invece più ‘laico’ dal punto di vista sonoro: la lezione sembra essere quella appresa con vigore e passione autentica dagli Everything But The Girl, con l’unica variante che la voce di Lu Heredia – per quanto molto bella – non ha quel piglio malinconico e abbandonato che rende irresistibile Tracy Thorn (anche se bisogna vedere per quanto ancora funzionerà il giocattolo…). In compenso su “Psychobeat” ci sono delle buone canzoni ‘tout court’, come “Il primo giorno del mondo”, “Marta ha fatto un sogno”, l’ottima “Sul filo”, “Milla sensi” e la conclusiva “Quanti anni hai?”, cover del successo di Garbo a cui partecipa lo stesso re dei dandy anni ‘80. Da segnalare, accanto a quello del produttore Roberto Vernetti, quello dei suoi colleghi di cordata Paolino Gozzetti (Sigmatibet) e Maurizio Liguori (Technogod), attenti a rivestire le canzoni dei Delta V di sonorità adatte e sufficientemente pop, al punto di essere ogni tanto anche un po’ ‘reazionari’ rispetto ai propri progetti come quelli citati nelle parentesi. Oltre a Garbo, sul versante degli ospiti, si segnalano anche la rediviva Angela Baraldi (dove ti sei cacciata, Angela?) in “Silenzi” e Mao (perché sei sempre dappertutto?) simpatico in “La mia cosa”. Il pregio di un disco così è che si presenta compatto ascolto dopo ascolto: quello che c’è c’è ed è ciò con cui si fanno i conti alla fine. Il limite – eventuale – è che senza singoli di richiamo come la “Se telefonando” di turno difficilmente musica del genere riuscirà a venire fuori, rischiando di rimanere confinata nella zona lounge di qualche bar alla moda milanese.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.