«HE GOT GAME - Public Enemy» la recensione di Rockol

Public Enemy - HE GOT GAME - la recensione

Recensione del 26 mag 1998

La recensione

Colonna sonora del nuovo film di Spike Lee, "He got game" pone fine al silenzio del più influente gruppo della scena hip hop statunitense, silenzio che durava ormai dal 1994, anno in cui la posse di Chuck D aveva dato luce a "Muse sick n hour message". Lo stellone dei PE di sicuro non ha più brillato come all’inizio degli anni ’80, perché nel frattempo l’hip hop ha preso altre strade, passando attraverso l’aborrito (dai PE) gangsta’ rap, recuperando la tradizione soul confidenziale nera e confezionando quindi della musica tanto offensiva e violenta nei contenuti verbali, quanto gradevole e inoffensiva dal punto di vista più strettamente sonoro. A questa lezione, in un certo senso, si adeguano in parte anche i Public Enemy, realizzando per la colonna sonora di questo film un singolo, "He got game", che è in assoluto il loro brano più digeribile, capace di rendere anche la vecchia "Give it up" quasi dura in confronto. Niente di male, intendiamoci, anche perché l’album è tutto tranne che arrendevole, anche se di sicuro Chuck, Flav e soci (bentornato, Professor Griff!) non ci danno dentro al massimo anche per esigenze cinematografiche. Del resto, una colonna sonora ha altri lavori da svolgere e infatti nelle note a chiusura del disco si annuncia un nuovo album dei PE per l’autunno del ’98 (dovrebbe intitolarsi "There is a poison goin’ on"), oltre a un megamix di tutti i loro successi, una sorta di volume due di "Greatest Misses"). Basta comunque mettere su "He got game" per tornare a rivivere la magia del gruppo, per perdersi in testi aggressivi e militanti come nessuno, oggi, riesce più a scriverne sulla scena hip hop USA. Certo, Chuck D non è più uno sbarbato, gli stimoli potranno in parte essere stati offuscati dai milioni di dollari, ma di certo i loro album proseguono quell’opera di educazione e informazione che Malcom X sosteneva fosse fondamentale svolgere all’interno della comunità nera. Se il tempo ha reso i Nemici Pubblici inoffensivi o quasi (tempo fa l’FBI aveva aperto, di nascosto, un’inchiesta su di loro considerandoli dei fomentatori di possibili insurrezioni razziali) ciò non toglie che essi si tengano il loro pulpito ben stretto e da lì continuino a predicare con grande lucidità: a testimonianza citiamo la presenza del disco di altri due duri ‘impegnati’, vale a dire KRS One e Masta Killa dei Wu-Tang Clan. Se adesso i loro proclami di guerra fanno meno notizia è perché il sistema che gli gira intorno ha imparato a non farsi cogliere più di sorpresa. E questo non è detto che sia un bene. Si è riusciti a riportare con perizia i PE a ciò che essi, per vocazione, di fatto sono: degli entertainers. E così fatto, si è scongiurato il pericolo di una rivoluzione, che d’altronde, quando hai i soldi in tasca e fai il musicista, ti può far anche piacere rimandare. La rivoluzione pacifica comunque i PE l’hanno fatta davvero, a suon di conferenze e tournée nelle scuole, continuando ad informare e a schierarsi in una serie di battaglie civili e politiche (l’ultima è la causa tibetana), e rimangono ancora oggi un punto di riferimento nella storia del pensiero politico black statunitense.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.